L'Iran si dirige al ballottaggio per le elezioni presidenziali del 5 luglio con un'affluenza record | Notizie sulle elezioni

Il candidato riformista Masoud Pezeshkian potrebbe trarre vantaggio da un tasso di affluenza più alto al secondo turno di venerdì prossimo.

Teheran, Iran Le elezioni presidenziali anticipate in Iran si avviano al ballottaggio la prossima settimana dopo che Masoud Pezeshkian, sostenuto dai riformisti, e Saeed Jalili, sostenitore della linea dura, sono usciti in testa ma non sono riusciti a ottenere la maggioranza in un voto che ha visto un'affluenza record.

Il Ministero dell'Interno iraniano ha dichiarato sabato che solo il 40% degli oltre 61 milioni di elettori aventi diritto ha votato, un nuovo minimo nelle elezioni presidenziali dalla rivoluzione del 1979.

I dati finali forniti dalla sede elettorale del ministero mostrano che il moderato Pezeshkian ha ricevuto più di 10,41 milioni di voti su un totale di oltre 24,5 milioni di schede scrutinate, seguito dall'ex negoziatore nucleare Saeed Jalili con 9,47 milioni di voti.

Questa è solo la seconda volta dalla rivoluzione del 1979 che le elezioni presidenziali passano al secondo turno.

Il presidente conservatore del parlamento Mohammad Bagher Qalibaf, che ha ricevuto 3,38 milioni di voti, e il leader islamico conservatore Mostafa Pourmohammadi, che ha ricevuto 206.397 voti, hanno abbandonato la corsa. Anche altri due candidati, il sindaco di Teheran Ali Reza Zakani e il funzionario governativo Amir Hossein Qazizadeh Hashemi, si sono ritirati.

Qalibaf, Zakani e Ghazizadeh hanno invitato i loro sostenitori a votare per Jalili al secondo turno venerdì prossimo per garantire la vittoria del “Fronte rivoluzionario”.

Le elezioni anticipate di venerdì si sono svolte nel periodo costituzionale di 50 giorni per scegliere un nuovo presidente dopo che Ebrahim Raisi e altri sette, tra cui il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdullahian, sono rimasti uccisi in un incidente in elicottero il 19 maggio.

READ  Donald Trump ha detto che avrebbe pagato £ 100.000 per non sentire Theresa May parlare

Come per tutte le principali elezioni degli ultimi quattro anni, il voto di venerdì ha visto una bassa partecipazione, ma la cifra finale è stata ben al di sotto del 45-53% indicato dagli exit poll.

Il tasso di affluenza alle urne più basso per le elezioni presidenziali nella storia della Repubblica islamica, che dura da più di quattro decenni, è stato quello che ha portato Raisi alla carica, poiché il tasso di affluenza alle urne ha raggiunto il 48,8%. L’affluenza alle elezioni parlamentari tenutesi a marzo e maggio è stata di poco inferiore al 41%, l’affluenza più bassa in qualsiasi elezione importante dalla rivoluzione del 1979 in Iran.

L’apatia degli elettori deriva dal fatto che molti si sentono disillusi in seguito alle proteste mortali del Paese nel 2022 e 2023, e mentre l’economia continua ad affrontare una miriade di sfide, tra cui un’inflazione che ha superato il 40% a causa della cattiva gestione e delle sanzioni statunitensi.

L'esperto di politica estera iraniano Hamid Reza Gholamzadeh ha attribuito la debole partecipazione a quello che ha definito essere il fallimento del campo riformista nell'attivare il settore elettorale che di solito vota per esso e nell'aumentare la partecipazione.

Nonostante il sostegno dei pesi massimi riformisti come l’ex presidente Mohammad Khatami e Hassan Rouhani, Pezeshkian “non è riuscito a risvegliare quella parte della società che di solito proviene dal lato riformista quando abbiamo un’affluenza alle urne superiore al 50%”, ha detto Gholamzadeh ad Al Jazeera.

“Lo interpreto come il desiderio di cambiamento delle persone”, ha aggiunto Gholamzadeh.

Sembra probabile che ci sarà una maggiore affluenza alle urne quando gli iraniani voteranno al ballottaggio del 5 luglio, perché presenterà una scelta più chiara tra due schieramenti opposti. Ciò andrebbe soprattutto a beneficio di Pezeshkian, che avrebbe bisogno di più voti per sconfiggere le forze combinate dei conservatori e degli estremisti.

READ  Monsignor Desmond Tutu: Onorare il novantenne eroe anti-apartheid - ultimi aggiornamenti | notizie dal mondo


Pezeshkian, un politico di spicco ed ex ministro della Sanità, ha il sostegno di ex presidenti centristi e riformisti e di altre figure di spicco. Ha promesso di revocare le sanzioni ripristinando l’accordo sul nucleare che il Paese ha concluso nel 2015 con le potenze mondiali e di colmare il divario crescente tra il popolo e l’establishment.

Jalili, membro senior del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale, ha promesso di ridurre l’inflazione a una sola cifra e di incrementare la crescita economica all’8%, oltre a combattere la corruzione e la cattiva gestione. Chiede una posizione più dura contro l’Occidente e i suoi alleati.

Pezeshkian è stato l’unico moderato tra sei persone la cui candidatura è stata approvata dal Consiglio dei Guardiani, l’organo costituzionale che controlla tutti i candidati.

I suoi sostenitori lo hanno presentato non come un miracoloso, ma come un potenziale presidente che potrebbe migliorare un po’ le cose, pur sostenendo che una vittoria di Jalili significherebbe una grave battuta d’arresto.

Il nome di Jalili è associato ai negoziati nucleari durati anni tra la fine degli anni 2000 e l'inizio degli anni 2000 che alla fine portarono all'isolamento dell'Iran sulla scena mondiale e all'imposizione di sanzioni da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Il politico intransigente, che cerca di diventare presidente da più di un decennio, accusa il gruppo che sostiene Pezishkian di aver compromesso il programma nucleare del paese come parte dello storico accordo firmato nel 2015, da cui l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è tirato indietro nel 2018. .

Jalili e altri conservatori hanno accusato il suo avversario di incompetenza e hanno affermato che una vittoria di Pezishki equivarrebbe solo a una terza amministrazione per l’ex presidente centrista Hassan Rouhani.

READ  I conducenti britannici disabili affermano che i badge blu potrebbero non essere accettati nell'UE a causa della Brexit | incapacità

Due agenti di sicurezza sono stati uccisi in un attacco che ha preso di mira la loro auto che trasportava urne elettorali nella provincia meridionale del Sistan e del Baluchestan dopo la fine delle votazioni. Secondo i media statali, gli aggressori armati hanno preso di mira l'auto che restituiva gli scatoloni al governatore locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *