L’Iran recluta milizie straniere estremiste per aiutare a eliminare i rivoltosi di Teheran

L’Iran ha reclutato milizie straniere estremiste per aiutare a “eliminare i rivoltosi dalle strade di Teheran”.

Domenica i manifestanti hanno continuato a scendere in piazza in Iran Protesta per la morte di Mahsa Amini che è morto in custodia di polizia dopo di lui Arrestato per aver indossato in modo improprio un velo.

Le milizie siriane, libanesi e irachene che si definiscono “volontarie dei paesi islamici” hanno annunciato in un post sui social media di essersi unite alla repressione dell’opposizione pubblica.

Il gruppo afferma di essere stato “costituito spontaneamente” e che i suoi membri “sono disposti a sacrificare la propria vita per l’Ayatollah Khamenei”. I suoi membri sono seguaci di Qassem Soleimani, il comandante della Forza Quds, ucciso da un drone statunitense nel gennaio dello scorso anno.

Tuttavia, i gruppi di opposizione iraniana li hanno descritti come milizie sciite estremiste che ricevono i loro ordini direttamente dalla Guardia rivoluzionaria iraniana, sostenendo di aver partecipato a molte precedenti proteste di massa in Iran.

Domenica il ministero degli Esteri iraniano ha convocato l’ambasciatore britannico a Teheran per lamentarsi della “presenza di organi di informazione a Londra che stanno provocando rivolte e distruzioni in Iran”.

BBC Persian, ManoTo e Iran International TV operano da Londra e hanno seguito le proteste in Iran tramite i loro canali satellitari.

Decine di manifestanti Si sono radunati davanti all’ambasciata iraniana Domenica a Londra hanno lanciato mattoni e bottiglie alla polizia, gridando: “Morte alla Repubblica islamica”. Scotland Yard ha detto che almeno cinque agenti sono rimasti gravemente feriti e 12 persone sono state arrestate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.