L’Iran potrebbe accettare la proposta dell’UE di rilanciare l’accordo nucleare se le richieste saranno soddisfatte, riferisce l’agenzia di stampa IRNA

DUBAI (Reuters) – L’agenzia di stampa statale iraniana IRNA ha dichiarato venerdì, citando un alto diplomatico iraniano, che la proposta dell’Unione europea di rilanciare l’accordo nucleare iraniano del 2015 “potrebbe essere accettabile se fornisce garanzie” sulle principali richieste di Teheran.

L’Unione europea ha dichiarato lunedì di aver presentato un testo “finale” dopo quattro giorni di colloqui indiretti tra funzionari statunitensi e iraniani a Vienna. Leggi di più

Un alto funzionario dell’UE ha affermato che non è possibile apportare ulteriori modifiche al testo, che è in fase di negoziazione da 15 mesi. Ha detto che si aspettava una decisione finale dalle parti entro “pochissime settimane”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’IRNA ha citato il diplomatico iraniano non identificato dicendo che Teheran stava esaminando la proposta. Il diplomatico ha affermato: “Le proposte dell’UE possono essere accettabili se forniscono all’Iran assicurazioni su questioni di salvaguardie, sanzioni e garanzie”.

La Repubblica islamica ha cercato garanzie che nessun futuro presidente degli Stati Uniti si sarebbe ritirato dall’accordo se fosse stato rianimato, come ha fatto l’allora presidente Donald Trump nel 2018 e ha ripristinato le dure sanzioni statunitensi contro l’Iran.

Tuttavia, il presidente Joe Biden non può fornire assicurazioni così rigide perché l’accordo è un’intesa politica piuttosto che un trattato legalmente vincolante.

Un religioso sciita ha affermato in un sermone di preghiera del venerdì che di solito fa eco alla linea di stato che Teheran ha insistito per ottenere garanzie verificabili che le sanzioni statunitensi sarebbero state revocate in base a un accordo rinnovato, secondo la televisione iraniana.

READ  La Cina uccide la leggenda di Esopo nell'ultimo atto di diplomazia del guerriero lupo | notizie dal mondo

“Insistiamo per ottenere le garanzie necessarie e revocare le sanzioni e la verifica, e se ciò sarà raggiunto, il nostro team negoziale dirà alla gente che le sanzioni sono state revocate grazie alla vostra resistenza e forza”, ha detto Kazem Seddiqi durante la preghiera del venerdì al Cairo . La capitale, Teheran, secondo la televisione di stato.

Washington si è detta pronta a raggiungere rapidamente un accordo per ripristinare l’accordo sulla base delle proposte dell’Unione europea.

Funzionari iraniani hanno detto che avrebbero trasmesso le loro “ulteriori opinioni e considerazioni” all’Unione europea, che sta coordinando i colloqui, dopo le consultazioni a Teheran.

L’accordo del 2015 sembrava pronto a riprendersi a marzo. Ma 11 mesi di colloqui indiretti tra Teheran e l’amministrazione Biden a Vienna sono stati segnati principalmente dall’insistenza dell’Iran affinché Washington rimuovesse le Guardie Rivoluzionarie dall’elenco delle organizzazioni terroristiche straniere statunitensi.

Gli Stati Uniti mercoledì hanno accusato un membro delle Guardie Rivoluzionarie di complottare per uccidere John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, anche se Washington ha affermato di non ritenere che le accuse dovrebbero influenzare i colloqui sul nucleare con Teheran. Leggi di più

In base all’accordo del 2015, l’Iran ha ridimensionato il suo controverso programma di arricchimento dell’uranio, una potenziale strada per ottenere armi nucleari, in cambio del sollievo dalle sanzioni statunitensi, europee e delle Nazioni Unite. Teheran dice che vuole l’energia nucleare solo per scopi pacifici.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.