Lionel Messi galvanizza l’Argentina e la vittoria sul Messico mantiene vive le speranze per la Coppa del Mondo

La fiamma della Coppa del Mondo si è accesa per l’Argentina quando Lionel Messi e il subentrato Enzo Fernandez hanno sigillato una partita serrata contro il Messico.

La squadra sudamericana, che era una delle favorite prima del torneo, ha subito una sorprendente sconfitta per 2-1 contro l’Arabia Saudita martedì, ma è tornata agli ottavi battendo il Lusail Stadium.

Nella sua quinta e sicuramente ultima Coppa del Mondo, la stella del Paris Saint-Germain Messi, 35 anni, ha infiammato l’Argentina con un tiro dalla distanza a 19 minuti dall’inizio del secondo tempo, e il centrocampista del Benfica Rodriguez ha assicurato un superbo tiro al volo a tre minuti dalla fine. rispetto all’orario normale.

Devono ancora battere la Polonia per essere sicuri di andare avanti, ma ci sono stati almeno alcuni segnali di vita da questa squadra dopo la dolorosa sconfitta subita qui quattro giorni fa.

L’allenatore dell’Argentina Lionel Scaloni ha effettuato cinque cambi dopo lo shock saudita, ma la sua squadra non è riuscita a dare il via a un primo tempo deludente e pieno di errori.

È stato un miracolo fino a quando, al 22′, l’arbitro italiano Daniele Orsato ha emesso il suo primo cartellino giallo. Il messicano Nestor Araujo era il favorito per la vittoria del titolo dopo essere riuscito a conquistare la maglia del terzino sinistro argentino Marcos Acuna.

Il difensore del Manchester United Lisandro Martinez ha preso uno stivale in faccia dall’attaccante messicano Hirving Lozano in una partita che mancava di vero ritmo.

L’attaccante dell’Inter Lautaro Martinez passa in vantaggio con un lungo colpo di testa dopo che Angel Di Maria ha tirato in rete dalla destra dopo un corto calcio d’angolo.

READ  Sean Desai's appointment as Defense Coordinator for the Bears has made a buzz on Twitter

Il capitano del Messico Andres Guardado, che ha vinto un record di 179 presenze, è entrato al 41′ per Eric Gutierrez, che ha ricevuto un giusto benvenuto quando è stato atterrato dal terzino destro argentino Gonzalo Montiel.

El Tree ha quasi punito il sudamericano quando Alexis Vega ha colpito un calcio di punizione direttamente sopra il muro, ma il portiere Emiliano Martinez ha parato bene.

L’Argentina ha finalmente trovato un po’ di scioltezza nei passaggi in profondità nel primo tempo di recupero, quando Di Maria e Messi si sono uniti sul limite dell’area e Acuna ha piazzato un pericoloso cross laterale dalla sinistra, ma Cesar Montes ha tenuto la gamba per parare il obiettivo. Rischio.

Il fallo incessante è continuato nel secondo tempo quando Gutierrez ha abbattuto Messi al limite dell’area di rigore. Quando Messi ha tirato al volo il calcio di punizione alto sopra la traversa tra gli scherni dei suoi tifosi dietro la porta, sembrava che la partita fosse finita.

Ma i tifosi argentini avrebbero dovuto sapere di non dubitare del loro eroe.

Di Maria, sulla destra, ha individuato Messi in una tasca di spazio appena fuori area al 64 ‘.C’era spazio più che sufficiente per lui per prendere il suo posto, nell’angolo basso del portiere messicano Guillermo Ochoa.

Fernandez ha sprecato per un secondo una grande occasione, andando lontano su cross di Acuna, ma ha più che compensato all’87’.

Dopo aver ricevuto palla da Messi dopo un corto calcio d’angolo, ha battuto Gutierrez con un passo barcollante e ha tirato un tiro di destro fuori Ochoa.

READ  Coppa Italia: Juventus Thrash Spall 4-0, Atalanta batte la Lazio 3-2 suspense

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.