L’intelligence statunitense “aiutò l’Ucraina a localizzare e affondare” l’ammiraglia russa nel Mar Nero

Intelligence americana Assistere Ucraina fissaggio e affondamento Russia Pioniere in mar Nero il mese scorso, secondo i rapporti.

L’affondamento della Moscova, l’ammiraglia della flotta russa del Mar Nero il 14 aprile, è stata una grande vittoria per l’Ucraina mentre cercava di respingere la potenza militare russa. Due missili da crociera affondarono la nave in un colpo imbarazzante a Mosca.

A quel tempo, la Russia disse che la nave affondò mentre veniva rimorchiata in porto. L’Ucraina ha detto di essere annegata dopo aver colpito due ragazze.

La Russia ha detto che almeno una persona è stata uccisa e decine di marinai sono scomparsi. Si diceva che l’equipaggio della nave fosse più di 500.

Numerosi rapporti sui media statunitensi giovedì hanno affermato che i funzionari a Washington hanno rivelato che gli Stati Uniti avevano fornito informazioni per aiutare l’Ucraina a localizzare la nave da guerra.

Notizie NBC Lei disse L’attacco è avvenuto dopo che le forze ucraine hanno chiesto agli americani di una nave che navigava nel Mar Nero, a sud di Odessa.

Gli Stati Uniti l’hanno identificata come Moskva, hanno detto i funzionari, e hanno contribuito a confermare la sua posizione, dopodiché gli ucraini hanno preso di mira la nave.

Funzionari statunitensi, che non sono stati identificati nei rapporti, hanno affermato che Washington non aveva alcun preavviso che l’Ucraina avrebbe preso di mira la Moskva e “non è stato coinvolto nella decisione di colpire”.

Indipendentemente dal grado specifico di coinvolgimento della comunità dell’intelligence statunitense, la divulgazione potrebbe essere una preoccupazione per il ruolo crescente di Washington nella difesa dell’Ucraina, qualcosa che il presidente Joe Biden ha affermato di non voler intensificare.

È venuto un giorno dopo Il New York Times menzionato Che gli Stati Uniti stessero aiutando l’Ucraina con l’intelligence che le ha permesso di uccidere un certo numero di generali russi, una mossa che alcuni vedranno come un altro passo nella guerra per procura tra i paesi occidentali e la NATO che aiuta Kiev e la Russia.

Il quotidiano ha affermato che funzionari ucraini hanno affermato di aver ucciso quasi 12 generali in prima linea, un numero che ha sorpreso gli analisti militari.

Giovedì, il segretario stampa del Pentagono John Kirby ha negato che gli Stati Uniti fornissero informazioni così specifiche sugli alti ufficiali russi.

“Non forniamo informazioni sulle posizioni degli alti comandanti militari sul campo di battaglia né partecipiamo alle decisioni di mira per l’esercito ucraino”, ha detto ai giornalisti a Washington, DC.

“L’Ucraina combina le informazioni che noi e altri partner forniamo con l’intelligence che raccolgono da soli sul campo di battaglia, quindi prendono le proprie decisioni, intraprendendo le proprie azioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.