L’IA è ora completamente moralmente in bancarotta

Per chiunque abbia seguito Amnesty International negli ultimi anni, il suo attacco all’Ucraina per aver osato difendersi dalla Russia e quindi “mettere in pericolo i civili” è stato tanto più completo. L’organizzazione che un tempo era un faro di speranza per i prigionieri politici è diventata di fatto una propaggine del programma Stop the War. Ora operando con la stessa agenda di altri gruppi ai margini della politica di estrema sinistra, spingendo le stesse ossessioni anti-occidentali della linea dura (famigerata per qualche tempo anche collaborando con Cage, il gruppo islamista britannico) ma con più successo nelle pubbliche relazioni rispetto alla maggior parte, commercia anche sulla sua precedente reputazione di buone azioni.

Secondo AmnistiaLe forze ucraine a Kharkiv, Donbas e Mykolaiv hanno violato il diritto internazionale operando da zone residenziali. “Abbiamo documentato un modello in cui le forze ucraine mettono in pericolo i civili e violano le leggi di guerra quando operano in aree popolate”, ha scritto Agnes Callamard, la sua segretaria generale. Indipendentemente da ciò, l’unico motivo per cui le truppe ucraine si trovano nelle aree residenziali è difenderle dagli invasori russi, che stanno uccidendo, torturando e catturando i civili ucraini. Come ha risposto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Amnesty sta cercando di “spostare la responsabilità dall’aggressore alla vittima”.

L’ambasciata russa nel Regno Unito ha accolto allegramente il “rapporto” di Amnesty International twittando: “Amnesty conferma che le tattiche ucraine violano il diritto umanitario internazionale e mettono a rischio i civili… Esattamente quello che la #Russia ha sempre detto. #StopNaziUkraine”

Nel caso qualcuno avesse dubitato della sua ubicazione, la signora Callamard ha risposto allo smantellamento dei suoi insulti da parte del governo ucraino equiparandola agli invasori russi e, per buona misura, liquidando i ministri ucraini come troll.

READ  Il colonnello russo è investito con un carro armato ed è stato ucciso dalle forze speciali in Ucraina

Ma non è solo il governo ucraino a condannare la distorsione della realtà di Amnesty International. Lo stesso vale per l’ufficio di Amnesty International in Ucraina. Oksana Pokalchuk, il suo presidente, si è ora dimesso, dicendo che l’IA è diventata uno “strumento di propaganda russa”. Quando il personale di Amnesty International Ucraina si è lamentato della bozza del rapporto, è stato ignorato: “Le argomentazioni del nostro team sull’inammissibilità e l’incompletezza di questo materiale non sono state prese in considerazione. I rappresentanti dell’ufficio ucraino hanno fatto tutto il possibile per impedire la pubblicazione di questo materiale”.

Come tutti gli outfit che hanno lasciato un buon solido, l’IA lo è stata ossessionato da Israele Per anni, nel 2012 Christian Benedict, allora direttore delle campagne di beneficenza, si è rivolto a Twitter per postare una “barzelletta” su 3 parlamentari ebrei: “Louise Elman, Robert Halfon e Luciana Berger sono entrati in un bar… tutti loro hanno ordinato un giro dei B52… #Gaza”. Come ha reagito Amnesty alla pubblicazione da parte di uno dei suoi dipendenti chiave di qualcosa che era ampiamente considerato antisemita? Mr. Benedict è stato promosso ed è ora Direttore della Crisis Response.

A febbraio, Amnesty International ha pubblicato un altro rapporto su Israele, sostenendo che è uno stato di apartheid. Di solito era pieno di errori, sia di fatto che di diritto. E chi ha guidato l’opposizione? Come in Ucraina, l’equipaggio dell’IA. Il direttore esecutivo di Amnesty Israel, Molly Malcar, ha definito il rapporto israeliano un “pugno allo stomaco”, mentre il suo amministratore delegato, Yariv Mohar, si è detto “scioccato e indignato” quando ha saputo delle sue conclusioni.

READ  Biden dice che è `` stanco '' di parlare di Trump e che è un presidente solo per non chiamarlo

In altre parole, la leadership centrale di una ONG di estrema sinistra ha prodotto propaganda che deve più all’ideologia che alla verità, solo per essere criticata dalla sua stessa gente sul campo, che comprende la realtà.

il perdono è Immagine senza valore e moralmente fallita che fornisce aiuti agli stati terroristi. E prima crolla sotto il peso delle sue deformità, meglio è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.