L'hacker di Nintendo Gary Bowser ritiene che la frase sia progettata per inviare un messaggio

Il famigerato hacker di Nintendo Gary Bowser crede che l'azienda lo abbia usato come esempio e afferma che la pena detentiva e la multa inflittegli hanno lo scopo di inviare un messaggio a coloro che disobbediranno all'azienda in futuro.

Per ricapitolare rapidamente, Bowser è stato condannato a 40 mesi di prigione per aver distribuito e venduto dispositivi che consentivano la pirateria nel 2022. Il programmatore canadese ha lavorato come parte di un gruppo di hacker più ampio noto come Team Xecuter, che a sua volta ha guadagnato milioni vendendo dispositivi che consentivano video piratati. giochi da giocare su diverse console From Nintendo. Al momento della sentenza, Bowser si è dichiarato colpevole e ha accettato di pagare una multa di 4,5 milioni di dollari, più un'ulteriore multa di 10 milioni di dollari per risolvere la causa civile intentata da Nintendo contro di lui.

Bowser è stato rilasciato dalla prigione lo scorso anno, ma rimarrà in debito con Nintendo per decenni a venire. Ad aprile, Bowser disse che Nintendo era ora in grado di recuperare tra il 25 e il 30% del suo reddito personale per il resto della sua vita lavorativa.

Kojima è stato il salvatore dello stato dei giochi PlayStation?Guarda su YouTube

Adesso parla con GuardianoBowser disse che la sua punizione era “come un messaggio per gli altri che… [are] Sono ancora lì, se vengono presi… [they’ll] Sto attraversando un momento difficile.

Ha dichiarato che continuerà a pagare a Nintendo quello che può, anche se ha ammesso che “non saranno molti soldi, questo è certo”. Durante la sua permanenza in prigione, Bowser è stato in grado di pagare alla società “25 dollari al mese” dai pagamenti che riceveva per la consulenza ad altri detenuti in sorveglianza suicida.

La situazione di Bowser appare desolante, con il giornale che sottolinea che da quando è stato rilasciato dal carcere, spesso non è stato in grado di accedere a comodità quotidiane come un frigorifero o un fornello a causa delle difficoltà nel pagare le bollette dell'elettricità.

Ora ha creato una pagina GoFundMe nel tentativo di aiutarlo a pagare le sue spese mediche (Bowser ha l'elefantiasi alla gamba sinistra, soffre di dolori cronici e necessita di terapia fisica). Tuttavia, nonostante ciò, Bowser dice che “potrebbe andare molto peggio”, perché ora è riuscito a procurarsi un alloggio. In precedenza, dormiva sul divano di un amico.

Quando gli è stato chiesto del suo nome distintivo – lo stesso del Re dei Koopa di Nintendo e del presidente di Nintendo of America – Bowser ha detto: “Devo essere il primo Bowser ad essere mai catturato”, ha detto Bowser, ridendo rassegnato.

All'inizio di quest'anno, Bowser ha negato di far parte di un progetto Flash Cart che, a suo dire, consentiva agli utenti Switch di riprodurre copie di backup dei propri giochi. In quel momento, ha detto di essere “oggetto di un attacco di avvelenamento del Domain Name System (DNS)”. [his] nameserver” e non era “coinvolto in queste cose”.

READ  Wordle 341 26 maggio Suggerimenti - Lottando con Wordle oggi? Tre guide per trovare una risposta | giochi | intrattenimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *