L’ex centrocampista dell’Italia Dino Baggio chiede inchiesta sugli “integratori” dopo la morte di Vialli e Mihajlovic

A seguito delle recenti morti di Gianluca Vialli e Sinisa Mihajlovic, l’ex nazionale italiano Dino Baggio ha chiesto un’inchiesta sui materiali forniti ai giocatori della sua generazione.

In un’intervista Gazzetta dello Sport Pubblicato mercoledì, l’ex centrocampista di Juventus, Parma e Lazio Baggio, 51 anni, si è detto preoccupato per le conseguenze legali extra date ai calciatori negli anni ’90.

Ha chiarito le notizie diffuse che aveva detto in un’intervista televisiva secondo cui i giocatori erano dopati negli anni ’90, dicendo di essersi esposto male quando ha parlato di quelli che ha descritto come severi controlli antidoping.

“I medici della squadra non potevano incoraggiarci e venivamo controllati ogni tre o quattro giorni”, ha detto Baggio.

“No, voglio sapere dagli scienziati se gli integratori che assumiamo possono causare problemi nel nostro corpo a lungo andare.”

Paggio, che ha rilasciato i suoi commenti dopo la morte dell’ex attaccante italiano Vialli e del grande serbo Sinisa Mihajlovic nelle ultime settimane, ha detto che i prodotti di cui ha parlato sono stati “venduti ai farmacisti oggi” e hanno aiutato i giocatori a riprendersi dallo sforzo fisico.

Willie ha perso una lunga battaglia contro il cancro al pancreas all’inizio di questo mese all’età di 58 anni, mentre Mihajlovic è morto di leucemia a dicembre a 53 anni.

“Viene dal dolore che provo per la morte di Willy, Mihajlovic, che ho sempre considerato un amico e che mi ha aiutato molto, Mihajlovic e tante persone che hanno giocato come me negli anni ’90”, ha detto Baggio.

“Ci sono molte persone che ci hanno lasciato e penso che dovremmo indagare sui prodotti farmaceutici assunti in quel periodo. Forse non c’è niente, forse troveremo qualcosa”.

READ  Vaccine Gov. Pfizer, MD IFA: "Il ritardo è molto preoccupante"

L’allenatore dell’Italia Roberto Mancini, che ha giocato con Willy per anni alla Sampdoria ed è un caro amico, ha insistito sul fatto che Baggio era diffidente nei confronti della richiesta.

“Dobbiamo essere molto cauti in questo senso. Purtroppo queste cose (malattie) capitano a tutti, calciatori e non.

Tuttavia, ha detto l’ex attaccante della Romania Florin Raduciu Gioco arancione In patria vuole “discutere” con il suo ex medico sociale al Brescia, dove ha militato negli anni ’90.

“Non so (quali oggetti gli sono stati dati)”, ha detto.

“Mi hanno detto che era glucosio. Era un liquido rosa preparato in albergo la sera prima della partita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.