Le storie dei sopravvissuti ai disastri dominano il festival cinematografico di Hollywood

Gustavo Zerbino, sopravvissuto a un famigerato incidente aereo sulle Ande, ha ispirato il film Netflix del regista JA Bayona “Snow Society” (Emma McIntyre)

Gustavo Zerbino e Mamadou Kouassi hanno due cose in comune.

Entrambi sono sopravvissuti a prove orribili: uno è rimasto per 72 giorni sulle Ande ghiacciate mangiando carne umana dopo un famigerato incidente aereo; L’altro ha subito brutali incarcerazioni, estorsioni e schiavitù lungo la rotta degli immigrati africani verso l’Europa.

Entrambi stanno ispirando i nuovi film che saranno proiettati all’AFI Film Festival di Hollywood questa settimana, prima di essere candidati agli Oscar del prossimo anno.

Zerbino ha ricevuto una standing ovation a Los Angeles dopo la proiezione di “La società della neve”, il film ufficiale spagnolo agli Oscar, che sarà trasmesso in streaming su Netflix a gennaio.

“Questo film ti permette di entrare in contatto con la parte più profonda della tua anima, di sentire appieno lo spirito che avevamo in montagna”, ha detto emozionato Zerbino.

Il film racconta il “miracolo delle Ande”, quando un aereo che trasportava una squadra di rugby uruguaiana e i loro familiari in rotta verso il Cile si schiantò nell’ottobre 1972.

Trentatré delle 45 persone a bordo sono sopravvissute all’impatto iniziale, ma solo 16 sono rimaste dopo una dura prova di dieci settimane su un ghiacciaio delle Ande senza cibo, riparo o indumenti caldi a -22 gradi Fahrenheit (-30 gradi Celsius). Celsius), ad una temperatura di 22°F (-30°C). Ad un’altitudine di circa 12.000 piedi (3.600 metri).

I sopravvissuti dovettero ricorrere a mangiare la carne dei loro compagni morti per sopravvivere.

È stato precedentemente adattato in un’opera drammatica, la più famosa è nel film americano del 1993 “Alive”, con Ethan Hawke.

READ  Netflix rilascerà The Witcher S3 a giugno - Questa è l'ultima stagione per Henry Cavill?

Ma la nuova versione, del regista J. A. Bayona, racconta la storia in spagnolo utilizzando attori locali e si concentra equamente su coloro che sono morti e su coloro che sono sopravvissuti.

“Nelle Ande avevamo bisogno di costruire una società basata sulla cura”, ha detto Zerbino, “quando tutte le cose appartenevano a tutti e l’unico obiettivo era sopravvivere”.

“Non abbiamo combattuto tra noi, perché stavamo combattendo la morte”, ha detto all’AFP dopo lo spettacolo.

– Schiavitù in Libia –

“Io Capitano”, il film ufficiale italiano come miglior film internazionale agli Oscar di marzo e che uscirà nei cinema americani all’inizio del prossimo anno, ha fatto il suo debutto nordamericano sabato.

Il regista Matteo Garrone, meglio conosciuto per il dramma mafioso Gomorra, racconta la storia straziante dei migranti africani prima ancora che raggiungano le pericolose traversate del Mediterraneo che fanno notizia sulla maggior parte dei titoli dei giornali occidentali.

La sua sceneggiatura riunisce le vicissitudini della vita reale di tre migranti, tra cui Kwasi, che attraversò il deserto dalla Costa d’Avorio circa 18 anni fa.

“Abbiamo impiegato circa un mese [going] Attraverso il deserto. Puoi vedere persone che muoiono davanti a te, bambini che muoiono per mancanza d’acqua. “Non puoi farci niente”, ha detto all’AFP prima dello spettacolo.

Anche quando hanno raggiunto la Libia – un importante paese di transito e punto di transito per i migranti – la loro dura prova era lungi dall’essere finita.

“Noi neri, ci prenderebbero e ci metterebbero in prigione”, ha detto.

Una volta dietro le sbarre «ti chiedevano di chiamare un familiare o un parente per portare soldi per pagare la tua libertà. A quel tempo non avevo nessuno».

READ  La banda larga ha dato a JioFiber la massima velocità ad aprile, secondo il Netflix Speed ​​Index

Il film descrive scene esplicite di tortura e Kwasi ricorda i suoi compagni di prigionia “che furono uccisi in prigione, nelle celle”.

È stato solo dopo essere stato venduto “come uno schiavo” a un residente locale che aveva bisogno di lavoratori per completare i lavori di costruzione nella sua proprietà che è scappato ed è stato infine rilasciato.

– “Amore, amicizia, solidarietà” –

Nonostante il trauma di aver vissuto questa dura prova, i due uomini stanno aiutando a promuovere i loro film e sperano che il pubblico porti con sé i messaggi importanti.

Per Zerbino la sua storia “non è una tragedia; [though] C’è molta tragedia in esso; Non è un miracolo, [though] Ci sono molti miracoli in esso.

Invece “è una storia d’amore, di amicizia e di solidarietà… un messaggio molto importante in questo momento difficile che tutto il mondo sta affrontando”.

Kwasi spera che il suo film aiuti “le persone a capire cosa abbiamo dovuto affrontare prima di arrivare in Europa” e porti anche ad un allentamento delle restrizioni di viaggio per le persone provenienti da paesi poveri che li costringono a rischiare la vita attraversando illegalmente il paese.

“È un disastro completo”, ha detto.

“Questo film contiene informazioni molto potenti da diffondere in tutto il mondo.”

Il Festival AFI continua fino a domenica.

amz/nrw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *