Le sanzioni dell’energia fantasma dell’Occidente stanno alimentando la macchina da guerra russa

Lo scrittore è il principale consigliere economico del presidente ucraino Volodymyr Zelensky

Le sanzioni occidentali sui combustibili fossili russi sono uno spettro. Le entrate che affluiscono alle casse del Cremlino dalle vendite estere di petrolio, gas e carbone sono molto elevate, raddoppiando nei primi 100 giorni di guerra. Il regime delle sanzioni energetiche in Occidente non funziona. Questo per una ragione molto semplice: non esiste.

Prima della massiccia invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin a febbraio, la Russia era comodamente il più grande esportatore mondiale di combustibili fossili. Oggi può vendere petrolio, gas e carbone direttamente a tutti i paesi tranne gli Stati Uniti, che all’inizio erano un cliente trascurato.

Alcuni influenti commentatori americani ed europei affermano che le restrizioni alle esportazioni petrolifere russe stanno danneggiando i cittadini comuni nei paesi occidentali senza ridurre le entrate del Cremlino. Affermano che le sanzioni occidentali sono controproducenti.

Tuttavia, le misure adottate finora dall’Occidente coprono meno del 5% delle esportazioni russe di petrolio greggio prebellico. Sebbene le esportazioni di petrolio greggio marino siano diminuite da metà giugno, sono ancora più elevate di quanto non fossero all’inizio dell’invasione. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che era legale importare petrolio russo nell’UE e nel Regno Unito e rimarrà tale almeno fino a dicembre. Ogni settimana, dai porti russi arrivano in Europa dai 10 ai 20 milioni di barili di greggio mentre i commercianti trasformano il cosiddetto “phasing out” in frenesia.

Anche negli Stati Uniti, unico Paese che impone sanzioni all’importazione diretta di petrolio russo, gli automobilisti – forse a loro insaputa – continuano a riempire i serbatoi delle loro auto con benzina di origine russa. In quella che può essere descritta solo come un’operazione di lavaggio globale, il greggio russo viene portato in raffinerie straniere e poi importato negli Stati Uniti come benzina. Una volta che il petrolio è stato raffinato in altri prodotti, può entrare legalmente negli Stati Uniti senza violare le sanzioni.

READ  Southern Low Trace porta pioggia e vento con forti piogge e conseguenti tempeste

Il Regno Unito continuerà anche a importare milioni di barili di blended oil russo nei prossimi mesi. È probabile che questo commercio continui anche dopo l’entrata in vigore di un divieto britannico alla fine di quest’anno. Ciò sarà possibile grazie ai tagli alle regole che consentiranno alle aziende di importare CPC Blend, un petrolio greggio che è una miscela di prodotti kazaki e russi, e trasportato attraverso l’oleodotto del Caspio.

Questo non è il divieto che americani e britannici potevano aspettarsi quando il presidente Joe Biden e Boris Johnson, primo ministro uscente della Gran Bretagna, hanno annunciato misure punitive a marzo. La mancata imposizione di un vero embargo sul petrolio e sul gas russo aumenta le entrate di Putin e finanzia i crimini di guerra in Ucraina.

In una certa misura, l’aumento dei prezzi dell’energia di oggi riflette le aspettative dei commercianti sull’allentamento delle restrizioni sul petrolio russo. Ma i prezzi del greggio erano aumentati per mesi prima dell’invasione e prima che l’Occidente annunciasse sanzioni.

Inoltre, i prezzi di WTI e Brent sono scesi costantemente dall’inizio di giugno, proprio mentre le esportazioni di greggio russo hanno iniziato a diminuire. L’affermazione che gli attuali prezzi del petrolio siano il risultato di restrizioni minime imposte dai governi occidentali alle esportazioni russe di combustibili fossili non regge a un esame accurato.

Le grandi compagnie energetiche, che hanno registrato enormi profitti negli ultimi sei mesi, hanno molte più responsabilità per il dolore provato dai consumatori di energia. Aziende come BP & Shell nel Regno Unito, che hanno generato rispettivamente 8,5 miliardi di dollari e 11,5 miliardi di dollari da aprile a giugno, e Wintershall in Germania, che ha generato 1,9 miliardi di dollari, stanno andando molto bene, ma questi guadagni non sono nuovi per il settore. Questo settore ha generato profitti impressionanti ogni giorno negli ultimi 50 anni.

READ  Khalifa Haftar si candida alla presidenza | Libia

Nei giorni scorsi lo hanno fatto i decisori politici dell’Unione Europea e del Regno Unito allentamento delle attuali restrizioni. Hanno creato un uomo di paglia nei loro sistemi penali. Senza dare alle sanzioni la possibilità di funzionare correttamente, ora le stanno smantellando. Questa ritirata premia Putin anche se le sue forze commettono atrocità in Ucraina e mentre la Russia espande i suoi obiettivi regionali illegali. guerra.

L’Ucraina non dimenticherà mai il supporto che i nostri partner ci hanno dato. Ma in termini di combustibili fossili, l’Occidente si trova di fronte a una scelta chiara. Chiunque sia seriamente intenzionato a sostenere l’Ucraina dovrebbe smettere di finanziare il regime di Putin. Gli affari come al solito prolungano solo la guerra, che ha paralizzato l’intera economia globale. La soluzione più efficace dovrebbe includere un divieto completo e immediato dei combustibili fossili russi in Europa e la rapida attuazione delle proposte del G7 per un tetto globale sui prezzi del petrolio russo.

Prima si fermerà Putin, prima riusciremo a ricostruire l’Ucraina. Ciò significa mantenere i combustibili fossili russi sottoterra e trasformare le sanzioni sull’energia fantasma in quelle reali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.