Le regole sul deficit di blocco dovrebbero rinunciare alla spesa per la difesa – Politico

I governi dovrebbero essere in grado di spendere di più per la difesa senza preoccuparsi del tetto del blocco sui disavanzi di bilancio, secondo nove paesi dell’UE, principalmente dall’est.

Con l’intensificarsi dell’invasione russa dell’Ucraina, rappresentanti di Italia, Estonia, Grecia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania e Slovenia hanno chiesto la scorsa settimana una rinuncia alle spese per la difesa, hanno confermato lunedì quattro funzionari del Tesoro.

La spinta arriva prima dell’incontro informale di questa settimana dei leader dell’Unione Europea a Versailles, in Francia, dove si parlerà di ridurre la dipendenza energetica del blocco dalla Russia, rafforzare le sue difese e rafforzare i suoi fondamentali economici.

Gli ambasciatori dell’UE stanno attualmente lavorando a un annuncio che i leader dovrebbero pubblicare dopo il vertice informale. I funzionari hanno affermato che non era previsto alcun riferimento diretto alle regole del disavanzo dell’UE.

Tipicamente, i Tesori dell’UE devono mantenere il loro deficit di bilancio al di sotto del 3% della produzione economica mentre cercano di limitare il loro debito pubblico al 60%. Bruxelles ha messo in ghiaccio queste regole durante la pandemia per garantire che i governi possano combattere l’epidemia senza timore di ritorsioni da parte della Commissione europea.

Il cosiddetto accordo di stabilità e crescita dovrebbe tornare in vigore dal prossimo gennaio. Ma la Commissione ha lasciato intendere che le regole potrebbero essere ulteriormente ritardate nell’incertezza causata dalla guerra in Ucraina e il potenziale impatto della guerra sull’economia dell’UE potrebbe prolungare la pausa.

Indipendentemente dalla guerra, l’SGP è soggetto a modifiche per altri motivi. I paesi indebitati del sud stanno spingendo per la riduzione del disavanzo per gli investimenti verdi per garantire che possano combattere il cambiamento climatico mentre affrontano il loro onere del debito.

READ  La filiale italiana DHL indaga su un caso di frode fiscale

I funzionari hanno avvertito che, sebbene la guerra abbia fornito supporto anche per la rinuncia alle spese per la difesa, un tale tentativo avrebbe probabilmente affrontato inversioni di rotta da paesi come Paesi Bassi e Danimarca.

Questo articolo fa parte di PoliticoServizio di polizza assicurativa premium: Pro Financial Services. Dall’Eurozona, dall’Unione bancaria, dalla CMU e altro ancora, i nostri giornalisti dedicati ti tengono aggiornato sugli argomenti che guidano l’agenda politica dei servizi finanziari. e-mail [email protected] Per una prova gratuita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.