Le memorie di Jared Kushner sono state chiamate “senza anima” nella prima brutale recensione

Le memorie di Jared Kushner sul suo tempo come massimo consigliere di Donald Trump sono state descritte come “serie e senz’anima” in modo brutale. Il New York Times riconsiderando.

Storia in frantumi: una memoria della Casa Bianca È stato ridicolizzato come le riflessioni eclettiche ed egoistiche di “un giovane e presuntuoso erede immobiliare a cui è capitato di disfare molti Big Mac insieme a suo suocero” volte Il critico Dwight Garner.

Kushner parla della sua intelligenza nel fare affari mentre lancia un sacco di cliché nel tono di un “saggio di ammissione al college”, ha scritto Garner.

Garner conclude che “Kushner è come un manichino e scrive come tale”, ignorando “l’anarchia, isolando gli alleati, violando leggi e costumi e corteggiando i tiranni”.

Kushner, 41 anni, ha elogiato il suo libro dai colleghi, che invece lo descrivono come un “genio”, “sorprendente” e uno dei “migliori lobbisti”.

Il signor Garner scrive che un terapeuta può considerare questo un “grido di aiuto”.

Considerato la seconda persona più potente alla Casa Bianca dopo Trump, Kushner è stato incaricato di una vasta gamma di responsabilità dalla risoluzione della pace in Medio Oriente, alla risoluzione della crisi degli oppioidi, alla riforma del Partito Repubblicano e alla gestione della campagna di rielezione del 2020 .

Ha spesso rotto con altri membri della cerchia ristretta di Trump e ha costretto diversi lealisti tra cui Corey Lewandowski e Steve Bannon a espellerli.

Garner ha scritto che Rex Tillerson, il primo segretario di stato di Trump, lo ha pregato di rimanere fuori dagli affari internazionali, e poco dopo è stato anche rimosso dall’incarico tramite un tweet presidenziale.

READ  La sorella di Kim Jong Un rifiuta le speranze di colloqui nucleari tra Stati Uniti e Corea del Nord | Corea del nord

Il critico del New York Times Dwight Garner ha scritto

(Harper Collins)

“Una volta entrato alla Casa Bianca, Kushner è diventato un piccolo Jack Horner, ha messo il pollice nella torta di tutti gli altri, chiedendosi perché non fosse simpatico”.

Il libro di memorie approfondisce la prigionia di suo padre Charles Kushner dopo aver assunto una prostituta per sedurre suo cognato e inviare filmati dell’incontro a sua sorella.

Kushner Jr. incolpa l’allora avvocato statunitense Chris Christie per aver portato avanti il ​​caso con tanto zelo.

Parla anche brevemente del corteggiamento di Ivanka, durante il quale hanno cenato in Costa Azzurra con Rupert Murdoch, Billy Joel e Bono.

Ma la maggior parte del libro di 500 pagine si concentra sui quattro anni di Kushner alla Casa Bianca e contiene solo una breve menzione delle rivolte del 6 gennaio o delle accuse di false frodi elettorali promosse da suo suocero.

La fedeltà di Kushner a Trump “rimane assoluta”.

“Questo libro è come un tour di una maestosa casa di legno del XVIII secolo, ora bruciata fino alle sue fondamenta, e si concentra solo su ciò che rimane tra le ceneri: le due vasche da bagno cinguettanti, il vialetto di ghiaia e la cassetta delle lettere”, scrive Mr. Garner.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.