Le Isole Salomone bandiscono tutte le navi della Marina dai porti fino all’inizio di una nuova operazione

Il primo ministro delle Isole Salomone, Manasseh Sogavari, ha tenuto un discorso a distanza alla 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite tramite video preregistrato a New York City, USA, il 25 settembre 2021. REUTERS/Eduardo Munoz/Pool

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

SYDNEY (Reuters) – Le Isole Salomone hanno sospeso l’ingresso di navi militari straniere nelle sue acque in attesa di un nuovo processo per l’approvazione delle visite ai porti, nel tentativo di monitorare meglio la sua economia esclusiva, ha affermato martedì l’Ufficio del Primo Ministro. le zone.

La mossa segue un incidente della scorsa settimana in cui la nave della Guardia Costiera statunitense, Oliver Henry, non è stata in grado di effettuare uno scalo di routine al porto perché il governo non ha risposto alla sua richiesta di rifornimento e rifornimenti.

“Abbiamo chiesto ai nostri partner di darci il tempo di rivedere e implementare le nostre nuove procedure prima di inviare ulteriori richieste per l’ingresso di navi militari nel Paese”, ha affermato il primo ministro Maniseh Sogavary in una nota.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Questi si applicheranno generalmente a tutte le navi militari in visita”, ha affermato in una dichiarazione inviata via email a Reuters dal suo ufficio.

Sugavari ha aggiunto di voler costruire capacità nazionali per monitorare le zone economiche esclusive della nazione insulare del Pacifico.

In un discorso di martedì pomeriggio per dare il benvenuto alla nave ospedale americana in visita Mercy, Sugavary ha affermato che il ritardo di Oliver Henry la scorsa settimana è dovuto al fatto che le informazioni non sono state inviate al suo ufficio in tempo.

READ  Abbiamo bisogno di una NATO rafforzata per contrastare le minacce alla sicurezza europea

La dichiarazione affermava di aver anche confermato i ritardi nell’approvazione dell’ingresso della nave della marina britannica Spy, che aveva anche interrotto il suo viaggio verso il porto previsto.

A seguito dei due incidenti, le Isole Salomone stanno rivedendo le sue procedure di approvazione, ha affermato.

In precedenza, l’ambasciata americana nella capitale australiana, Canberra, ha affermato che le Isole Salomone l’hanno informata di interrompere l’ingresso delle navi della Marina militare nei suoi porti.

“Il 29 agosto, gli Stati Uniti hanno ricevuto una notifica formale dal governo delle Isole Salomone in merito alla cessazione di tutte le visite navali, in attesa di aggiornamenti delle procedure di protocollo”, ha affermato l’ambasciata in una nota.

Al-Rahma è arrivato prima del soggiorno, ha detto l’ambasciata, aggiungendo che sta monitorando la situazione.

Le Isole Salomone hanno avuto relazioni tese con gli Stati Uniti e i loro alleati da quando quest’anno è stato stipulato un patto di sicurezza con la Cina. Leggi di più

Oliver Henry stava pattugliando il bracconaggio del Pacifico meridionale per conto dell’Agenzia regionale della pesca nel momento in cui ha cercato di entrare per fare rifornimento a Honiara, la capitale delle Salomone. Leggi di più

Lunedì, un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha definito “sfortunata” la mancanza di autorizzazione di Oliver Henry, dicendo che gli Stati Uniti erano lieti che Mercy avesse ricevuto l’approvazione.

Separatamente, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca John Kirby ha affermato che è stato un peccato che “abbiamo visto i cinesi tentare di intimidire e costringere le nazioni in tutto l’Indo-Pacifico a fare le loro affermazioni e servire ciò che credono siano i loro interessi egoistici di sicurezza nazionale, piuttosto rispetto agli interessi più ampi della regione degli oceani.” Indiano e Pacifico liberi e aperti”.

(Segnalazione di Kirsty Needham a Sydney e Michael Martina a Washington); Montaggio di Himani Sarkar e Clarence Fernandez

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.