Le feste gastronomiche locali preservano i misteriosi piatti regionali italiani

In un tendone simile a un fienile in Italia, i partecipanti alla festa del riso sono seduti a dozzine di lunghi tavoli di legno. È piena di brocche di vino e piatti di plastica pieni di ciotole per risotti colorati: zucca, salsiccia, vino amaron, funghi e tartufi.

Questo è uno dei centinaia di sajri che si verificano in tutto il paese, specialmente in autunno. Queste sagre gastronomiche celebrano prodotti o piatti locali, dalle castagne alle lumache, e offrono ai commensali alcuni dei piatti più autentici della regione.

Ma i visitatori non vengono solo per il cibo. All’interno delle tende, l’esperienza culinaria è unica. È rumoroso e disordinato. Gli estranei si siedono sul gomito e si ritrovano a condividere una brocca di vino per il secondo piatto. È allegro, festoso e molto italiano.

Molti sagri hanno le loro radici nel paganesimo storico o nelle cerimonie del raccolto, il che significa che un’intera gamma di attività in eccesso accompagna ancora il mangiare. Alcuni indossano musica e balli tradizionali, mentre altri soddisfano le giovani generazioni con sgargianti tour della fiera. Potrebbero esserci anche cortei storici, carri allegorici o gare legate al cibo.

Alcuni festival gastronomici sono diventati commerciali e poco originali, ma qui ci sono alcuni dei migliori che sono rimasti fedeli allo spirito della sagra.

Sagra dell’Anguilla, Comacchio

Comacchio è una piccola città costiera situata all’interno del bellissimo Parco del Delta del Po nell’Italia nord-orientale. Storicamente, l’economia della comunità è stata incentrata sulla pesca e su alcuni metodi di conservazione e conserve del pesce. La loro specialità è l’anguilla, che si celebra ogni anno nella Sagra dell’Anguilla.

Lungo le strade laterali del canale, bar e ristoranti servono menù speciali ripieni di anguille fritte, speziate e grigliate. Il fulcro del festival è all’interno della storica fabbrica di ammollo, che ora è un museo.

READ  I 3 film da 90 minuti che sono su Netflix in questo momento da non perdere

Nell’edificio dal pavimento in pietra, il fumo sale sopra i ristoranti mentre il cibo viene cotto all’interno dei vecchi camini un tempo usati per grigliare le anguille.

I punti salienti del menu sono l’angela in omedo – anguilla cotta in salsa di pomodoro e cipolle in agrodolce – e l’anguilla alla griglia con pelle succulenta e croccante.

Festa del Peperoncino, Diamante

Ai piedi dello stivale d’Italia in Calabria, il paese di Diamante è adagiato sulla più pregiata sagra del paese dedicata al peperoncino locale, il Diavolicchio. Le strade subiscono una trasformazione decorata con centinaia di grappoli di peperoni secchi e intagli di peperoni cocciniglia. I partecipanti al festival sono adornati con orecchini di peperoncino, costumi rossi e persino corone di peperoncino.

Le bancarelle lungo le strade vendono peperoni di tutte le forme e dimensioni, oltre a inzupparli nell’olio, macinarli in formaggio o insaporire le salsicce di maiale che vengono utilizzate per fare la famosa Nduja grassa calabrese.

Il momento clou del festival è la competizione del consumo di peperoncino, in cui alcuni coraggiosi concorrenti suderanno e urleranno per raggiungere la vittoria mangiando la maggior parte del peperoncino in 30 minuti.

Fasulin de l’Oc e Cudighe, Pizzighettone

Ogni novembre, la piccola città murata di Pizzighettone in Lombardia si riempie del profumo ricco e carnoso di fasulin de l’oc e cudeghe. A base di fagioli e cotenna di maiale, questo delizioso spezzatino è il fulcro di questa sagra dal 1993.

La sagra gastronomica celebra i Fagiolini d’Alocchio locali e una delle tradizioni annuali della città. In passato, la zuppa di fagioli e prosciutto veniva preparata dai proprietari di pub la fredda e umida mattina di novembre del 2 come parte del rituale della Commemorazione dei defunti.

READ  Joe Kerry recita al fianco di Lily James e Willem Dafoe in un dramma indipendente

Ora, i partecipanti al festival si radunano all’interno delle antiche mura della città per ricevere una scodella fumante di zuppa, prelevata da enormi pentole di metallo.

Sagra della mostarda di fichi d’india, Pegaggi

Quando arriva l’autunno in Sicilia, le piante verde pallido di tutta l’isola si adornano di fichi d’India rosa brillante, arancio e giallo. Tradizionalmente, le massaie trasformavano il frutto in una conserva color gioiello chiamata mostarda. Questo è ora il protagonista della sagra nella città di Bidagi.

I frequentatori del festival possono gustare una Mostarda calda o fredda presso le bancarelle che costeggiano le vie del paese. Ci sono anche fichi d’India freschi sbucciati e pasta locale chiamata kavatide con salsa di prosciutto, pane fatto in casa, porchetta e vino e olio di produzione locale. L’intrattenimento del festival è fedele alla tradizione, con musica di strada e spettacoli folcloristici.

Fiera del Tartufo Bianco, Sant’Agata Feltria

Il tartufo bianco si trova in tutta Italia, ma per decenni la città di Alba in Piemonte è stata vista come la capitale dei tuberi. La sua fiera è ormai una manifestazione internazionale intelligente e costosa, ma la sagra del tartufo nella Sant’Agata Feltria emiliana rimane sfrenata.

Il piccolo borgo collinare prende vita per tre fine settimana di ottobre, durante i quali le strade sono fiancheggiate da bancarelle che vendono tartufi profumati terrosi, funghi porcini fritti, vino locale e una miriade di prodotti artigianali.

All’interno di un tendone gigante, i ristoranti locali gestiscono i loro punti vendita e cercano di sfamare la folla frenetica e sbavante per fonduta di formaggio, ravioli di ricotta, coscia di maiale arrosto e casseruola di cinghiale, il tutto ricoperto di gusci di tartufo bianco. Sui pendii erbosi sottostanti la città, c’è una fiera per intrattenere i bambini ed enoteche per i genitori in attesa.

READ  La commedia 'Mafia Mama' di Toni Collette vende molto, l'italiana Cattleya si unisce - Deadline

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.