Le elezioni parlamentari tunisine registrano solo l’8,8% dell’affluenza alle urne | Tunisia

La Tunisia ha registrato la più bassa affluenza alle urne nella sua storia moderna dopo che il presidente Kais Saied ha sospeso il parlamento e il successivo ridisegno della mappa politica del paese.

I funzionari dell’Alta istituzione indipendente per le elezioni (ISIE) del paese hanno annunciato il conteggio finale dei voti nel paese Elezioni legislative 8,8%, anche se questo potrebbe aumentare leggermente man mano che vengono tabulati voti aggiuntivi.

Dopo la sospensione del parlamento nel luglio dello scorso anno, Saied ha introdotto una nuova costituzione, che ha notevolmente ridotto l’importanza dei partiti politici nel Paese, che ha descritto come nemici del popolo. Ha dedicato particolare ira a Ennahda, che ha dominato la scena politica da quando il paese ha guidato per la prima volta l’ondata di proteste regionali contro l’autoritarismo nel 2011.

Invece dei partiti tradizionali, che Saied ha così tanto accusato di un’economia massiccia e di una disoccupazione radicata, il presidente ha incoraggiato le persone a candidarsi alle elezioni su piattaforme pensate per servire la loro comunità immediata. Il risultato, 1.055 candidati autofinanziati che hanno contestato 161 seggi, ha portato a una competizione elettorale unica, in cui molti elettori non erano sicuri del candidato e un certo numero di collegi elettorali aveva un solo candidato al ballottaggio.

“Sono uscito per sostenere un amico del quartiere”, ha detto Omar, 19 anni, del suo voto per un candidato che correva nell’affollato quartiere del centro città di Tunisi intorno a Rue Marseille. Ha detto a un traduttore: “Il presidente Said sta apportando cambiamenti nel paese e io lo sosterrò sempre”.

Con l’assenza di molti partiti politici, la preparazione al voto è stata notevolmente modesta, con alcuni elettori che non si sono nemmeno accorti che si stavano svolgendo le elezioni.

“Non ho speranza”, ha detto la dentista Lamia Kammoun, spiegando di non aver deciso se votare. “Avevo speranza nel paese”, ha detto, “non ora… è peggiorata”.

Entro le 13:00 di sabato, due seggi elettorali nel quartiere operaio di Kabaria, vicino a Tunisi, avevano registrato ciascuno solo circa 100 voti sui 1.800 potenziali elettori registrati in entrambi i seggi. Un funzionario dell’ISIE ha detto che non aveva intenzione di votare in un’elezione che consideravano insignificante. “È solo il mio lavoro”, hanno detto, indicando il cortile vuoto della scuola.

Più vicino al centro, vicino allo storico quartiere Medina della città, solo un seggio elettorale ha registrato circa 40 elettori su un massimo di 900. Parlando dagli stand, un funzionario ha spiegato che il voto in realtà non è stato paragonabile alle elezioni precedenti, poiché si trattava di un concorso unico nel suo genere.

Nell’annunciare l’esito, sembrava che il capo della commissione, Farouk Bouaskar, stesse dirigendo il discorso di Saeed, che interpretava grandi cospirazioni, attribuito la scarsa affluenza alle urne Alla “assenza di denaro politico corrotto”.

primi risultati sarà annunciato lunedì, Con risultati finali non previsti fino a gennaio. Non è previsto che il nuovo organismo tenga la sua seduta prima di marzo, dopo il ritorno dei concorsi ristretti o chiusi.

Max Gallienne, dell’Institute for Development Studies, ha twittato che la Tunisia è “sulla buona strada per raggiungere l’affluenza alle urne più bassa in qualsiasi elezione nella storia del mondo moderno, con la metà dell’affluenza alle urne dei precedenti detentori del record (Haiti 2015 con il 18%, Afghanistan 2019 con il 19% ).”

La coalizione di opposizione del Fronte di salvezza tunisino ha invitato Saied a dimettersi sabato, dicendo che aveva perso la sua legittimità a causa dell’affluenza alle urne.

Il fronte, composto da diversi partiti politici tra cui l’islamista Ennahda Party, che era il più grande partito del precedente parlamento, ha chiesto “proteste di massa e sit-in” per chiedere nuove elezioni presidenziali.

Sebbene i gruppi di opposizione abbiano precedentemente attaccato il programma politico di Saied, non hanno mai detto che dovrebbe dimettersi dall’incarico.

“Quello che è successo oggi è un terremoto”, ha detto il leader del Fronte Najib Chebbi. “Da questo momento in poi, consideriamo Saeed un presidente illegittimo e chiediamo che si dimetta dopo questo miserabile fallimento”, ha affermato.

Ha aggiunto che ci dovrebbe essere un breve periodo di transizione sotto un giudice, seguito da elezioni presidenziali e da un dialogo nazionale.

READ  Meteo tracker: un temporale mortale colpisce Creta | cattive condizioni meteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.