Le autorità calcistiche chiedono sanzioni più severe per gli abusi razziali negli ultimi dieci anni – NBC Connecticut

Quando dieci anni fa Kevin-Prince Boateng è uscito dal campo per protestare contro gli abusi razziali da parte dei tifosi della squadra avversaria, ha avviato le autorità del calcio sulla strada verso sanzioni più severe in caso di discriminazione.

E i compagni di squadra italiani dell’AC Milan gli hanno dato le spalle quando Boateng, che è di colore, si è rifiutato di tollerare i cori offensivi che ha sentito dai tifosi di un piccolo club di provincia durante una partita di esibizione di metà stagione nel 2013.

Boateng ha calciato la palla verso i tifosi avversari prima di tornare negli spogliatoi, i suoi compagni di squadra proprio dietro di lui.

Nella sede della FIFA a Zurigo, l’allora presidente Sepp Blatter ha colto l’occasione per chiedere sanzioni più severe per i club, le federazioni nazionali e le loro squadre – o per i giocatori responsabili – in caso di razzismo e discriminazione.

divieto più lungo. Sconti punti. Esclusione o espulsione da competizioni e tornei.

La FIFA ha creato una task force contro il razzismo e ha rafforzato il proprio codice disciplinare pochi mesi dopo le azioni di Boateng. Così ha fatto la UEFA, la UEFA, la cui squalifica minima di dieci giornate è stata il doppio di quella della FIFA.

Ma Blatter ha rapidamente fatto marcia indietro dal trasformare parole forti in azioni ben formate.

Le sanzioni sportive reggeranno in tribunale?

“Questo porterà le persone ad entrare nello stadio e voler fermare il gioco di proposito”, ha detto Blatter, suggerendo che i fan potrebbero usare la regola per i propri scopi nefasti.

Dieci anni dopo l’incidente di Boateng, sono state applicate poche delle pene più severe e il razzismo rimane un problema negli stadi.

10 PARTITE Squalificate

Nel 2013 la FIFA ha deciso rapidamente di imporre divieti più lunghi a giocatori o funzionari per comportamento razzista, discriminatorio o offensivo.

Il difensore croato Josip Šimunic ha saltato la Coppa del Mondo 2014 a causa di un incidente pochi minuti dopo che il suo paese si era qualificato per il torneo. Šimunić ha celebrato la sua vittoria contro l’Islanda a Zagabria tra i principali tifosi in applausi identificati con il regime croato filo-nazista durante la seconda guerra mondiale.

READ  I 5 migliori posti dove mangiare pizza a Napoli, Italia

Il difensore della Repubblica Ceca Ondezh Kudila ha saltato il Campionato Europeo 2021 a causa di una squalifica di 10 partite dopo aver abusato di un avversario mentre giocava per lo Slavia Praga in una partita di Europa League. Il caso si è basato in gran parte sulla parola dell’imputato contro il presunto aggressore, rendendola una decisione storica.

Sconti punti

L’iniziale insistenza di Blatter su detrazioni di punti, cancellazioni forzate o esclusioni di squadre non ha funzionato nell’ambito delle sanzioni crescenti del calcio, che iniziano con multe e chiusure parziali degli stadi e raramente arrivano a sanzioni più pesanti.

La detrazione più alta è stata l’unico punto guadagnato dalla UEFA dalla Croazia nel girone di qualificazione a Euro 2016. Ciò includeva l’immagine di una svastica incastonata nel campo prima di una partita contro l’Italia, giocata in uno stadio vuoto a causa del comportamento razzista dei tifosi croati. in una partita precedente.

Alcuni hanno affermato che si trattava di un deliberato atto di vandalismo per mettere in imbarazzo la Federcalcio croata. Ma la UEFA ha ritenuto responsabile la federazione perché ha il compito di proteggere il campo di gioco dal vandalismo.

La Croazia è ancora qualificata per Euro 2016.

Questioni giudiziarie

Nonostante le pressioni per imporre sanzioni più severe alle squadre quando i tifosi insultano i giocatori in modo razzista, una sentenza del 2003 della Corte arbitrale dello sport ha stabilito uno standard per sanzioni proporzionate a seconda del numero di tifosi coinvolti e della gravità dell’incidente.

Questo caso è avvenuto circa un anno dopo che il giocatore francese Thierry Henry, che è di colore e giocava per il club inglese dell’Arsenal, è stato preso di mira dai tifosi del PSV Eindhoven nei Paesi Bassi durante una partita di Champions League.

READ  Avventure all'italiana che hanno cambiato la vita dei suoi tre leader

Successivamente il PSV si è rivolto al tribunale arbitrale per contestare la multa di 32.000 euro ($ 35.000). Il tribunale ha confermato il principio di ritenere i club responsabili del comportamento dei tifosi, ma ha ridotto la multa a meno di 20.000 euro ($ 22.000).

Il tribunale ha affermato che le violazioni erano “isolate e di portata e durata limitate”.

Questo precedente di 20 anni fa è ancora oggi un fattore nei procedimenti giudiziari.

casi di caduta

Sia la FIFA che la UEFA hanno chiuso le indagini per mancanza di prove di presunti abusi razziali sui giovani giocatori inglesi da parte degli avversari. Gli eventi si sono svolti nella finale della Coppa del Mondo Under 17 contro la Spagna e nella partita di UEFA Youth League tra la squadra inglese del Liverpool e il club russo Spartak Mosca.

Anche la UEFA ha archiviato i casi dopo che i giocatori di colore hanno dichiarato di aver sentito insulti razzisti da parte dei tifosi avversari durante le partite. L’attaccante svedese Alexander Isak ha allertato l’arbitro in una partita di qualificazione per Euro 2020 in Romania, e Michy Batshuayi ha sentito abusi contro di lui mentre giocava per il Borussia Dortmund contro la squadra italiana dell’Atalanta nella partita di European League 2018.

Batshuayi ha preso in giro la UEFA in un post su Twitter dopo che le indagini sono state chiuse settimane dopo. La UEFA non ha dato una ragione per questo.

Punizione dell’accessorio

Più di un decennio dopo che Boateng è uscito dal campo, i giocatori che reagiscono agli abusi razziali possono ancora sentirsi come se mancassero di supporto.

Ad aprile, il gesto di silenzio dell’attaccante dell’Inter Romelu Lukaku nei confronti dei tifosi della Juventus che lo avevano insultato in una partita di Coppa Italia lo ha portato a ricevere un secondo cartellino giallo e l’espulsione dal campo. Alla fine, la Federcalcio italiana ha annullato la squalifica di una giornata di Lukaku.

READ  Jimmy Page alla Mostra del Cinema di Venezia per presentare il documento dei Led Zeppelin | intrattenimento

In una partita del campionato portoghese nel 2020, l’attaccante del Porto Musa Marega ha subito abusi razzisti da parte dei tifosi del Vitoria che gli hanno lanciato panchine dopo aver segnato un gol e segnalato che era stato frustato. Quando Mariga, che è nato in Francia ma gioca per il Mali, gli ha tenuto una delle panchine sopra la testa in segno di sfida, l’arbitro gli ha assegnato un cartellino giallo.

Poi ha cercato di uscire dove i suoi compagni lo tenevano in campo.

forza del giocatore

Nel 2019, i giocatori del club francese Paris Saint-Germain e della squadra turca Istanbul Basaksehir si sono rifiutati di continuare la loro partita di Champions League dopo che un arbitro ha indicato l’assistente allenatore per il colore della sua pelle.

I giocatori di entrambe le squadre credevano che il funzionario rumeno Sebastian Coltescu avesse insultato in modo razzista il vice allenatore del club turco, Pierre Weibo, del Camerun.

La partita doveva essere conclusa il giorno successivo con un nuovo gruppo di arbitri, segno del maggiore potere con cui i giocatori dovevano ora influenzare le azioni intraprese in caso di abusi razziali.

Nuove regole FIFA

Quest’anno, la FIFA ha aggiornato e modificato le sue regole per assistere le due parti nei casi disciplinari.

Le vittime nei casi di discriminazione sono ora parti formali di un caso che “hanno tutti i diritti procedurali”, inclusa la possibilità di presentare ricorso contro le sentenze.

I giocatori e le squadre incriminati potrebbero ricevere una pena ridotta se collaborano con la FIFA a un piano educativo per “garantire che vengano intraprese azioni contro la discriminazione e per prevenire incidenti ripetuti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *