L’attrice Kate del Castillo parla della Reina del Sur in Telemundo

Sospensione

La reina (la regina) è tornata.

La terza stagione della serie di successo di Telemundo “La Reina del Sur” è stata presentata in anteprima martedì, riunendo il mondo con Teresa Mendoza (Kate del Castillo), l’antieroe al centro Un impero del contrabbando di droga che eredita in mezzo a una tragedia nel primo episodio dello show. “La Reina” Battere i record per Telemundo quando è stato presentato per la prima volta nel 2011 (e ha portato a un adattamento in lingua inglese che ha concluso la sua corsa di cinque stagioni l’anno scorso). È stata anche una svolta internazionale per la veterana attrice messicano-americana Del Castillo.

Teresa, che è finita in prigione negli Stati Uniti alla fine della scorsa stagione, viaggia attraverso l’America Latina nell’ultima edizione, solo per ritrovarsi a Machu Picchu in Perù; La tentacolare distesa salata della Bolivia, il Salar de Uyuni; e Santa Marta in Colombia.

Del Castillo ha parlato al Washington Post di cosa aspettarsi dalla nuova stagione del country-hopping, sentendosi protettivo nei confronti di Teresa e di come “La Reina” abbia influenzato la crescente scena televisiva internazionale.

(Questa intervista è stata modificata e condensata per chiarezza.)

S: Dove trova Teresa la nuova stagione e come è stato il suo sviluppo dalle prime due stagioni?

un: È più forte che mai fisicamente, ma anche mentalmente, poiché ha trascorso quattro anni incarcerata in questa prigione negli Stati Uniti. Una donna come Teresa Mendoza, isolata per così tanto tempo, cresce assetata di vendetta e giustizia. Ancora “Regina del Sud” – “La Reina del Sur” – ma ora abbiamo scrittori diversi. Andremo in posti diversi in America Latina. L’America Latina verrà mostrata come non l’hai mai vista prima.

READ  John Dillerman: New Danish children's television show featuring a man with a huge penis

S: La terza stagione porta gli spettatori in diversi paesi e nelle diverse comunità aborigene coinvolte nella produzione. C’era un posto che ti piaceva di più? E c’è stato qualcosa che ho imparato interagendo con tutte queste persone diverse?

un: Ecco perché amo quello che faccio. La mia professione mi ha dato tanto e mi ha portato in posti in cui forse non sarei andato da solo. La seconda stagione siamo andati in Russia, Romania e ItaliaE il Ma ora, per me, è stato ancora meglio perché ora è il momento di “La Reina del Sur” a Suramérica [South America]. Abbiamo reclutato rappresentanti da ciascuno di quei posti. Quindi, i messicani sono veri messicani, gli argentini sono veri argentini e così via.

S: Durante tutta la pandemia, Netflix ha prodotto molto Sbattere su titoli non inglesi. “La Reina” è un precursore di quella vista la popolarità che ha in tutto il mondo?

un: Personalmente, mi piace mantenerlo reale. Quindi non mi piace ascoltare [to a show] In un’altra lingua – preferisco leggere le traduzioni. E la cosa buona [“La Reina”] è che puoi ascoltarlo ora come preferisci. Per me questo è molto importante perché ormai gli americani sono abituati a leggere i sottotitoli. È fantastico perché ora sono più aperti a vedere spettacoli – dall’America Latina, dall’Europa, dall’Asia – e penso che sia fantastico. Tutto cambia e tutto migliora molto per tutti noi, credo.

I successi in streaming internazionali sono la prova che una buona TV traduce, indipendentemente dalla lingua

S: Pensi che questo abbia portato a maggiori opportunità per gli attori latini in generale?

un: decisamente. Voglio dire, c’è molto lavoro da fare adesso. Quando sono arrivato per la prima volta negli Stati Uniti, gli americani non mi hanno assunto perché non volevano sentire il mio accento. Quindi ho speso un sacco di soldi, sai, per allenare l’accento e questo e quello. Ora tutto è cambiato. E sono molto felice di poter lavorare di più con il mio accento.

READ  PlanetF1 Alternative F1 Awards 2021 Crazy Season

S: Hai anche parlato dell’aspettativa, soprattutto a Hollywood, che i latinoamericani appaiano in un certo modo sullo schermo quando in realtà sono tutte razze, colori di capelli e colori di occhi. Anche questo cambia?

un: Non veloce come vorrei. Sì, parlano tutti di inclusività. Tuttavia, ricevo sempre messaggi con molti stereotipi e sono stanco di loro. Ne sono davvero stanco. Ecco perché l’ho fatto La mia casa di produzione, quindi posso semplicemente fare quello che voglio invece di dover insegnare al settore chi siamo. Come sai, è giunto il momento. … È solo ignoranza, pura ignoranza. Penso che debba cambiare. Ma non è. Quindi dobbiamo sopportarlo. E noi, come latini, dobbiamo lasciare che le persone che fanno queste narrazioni imparino di più su chi siamo.

S: La canzone “La Reina” è molto popolare ed è molto importante per qualsiasi persona. Qualcuno si è avvicinato a te e ha detto qualcosa sullo spettacolo che ti è rimasto impresso?

un: Mio Dio. Molte persone dicono cose adorabili, specialmente in termini di carattere, sul fatto che Teresa Mendoza sia una donna del genere che ha dovuto affrontare molte cose. È una sopravvissuta ed è stata una vittima, ma non si è approfittata di se stessa. Tutte queste cose rendono questo personaggio unico e accessibile, motivo per cui le persone si relazionano così tanto a lei, perché è reale. È un’antieroe, piena di difetti; È difettoso in molti modi. Questo è ciò che mi piace di esso. E spero di vedere più personaggi come lei sulla TV americana, in [the] il corrente. Per noi latine, è bello perché non è sessuale in alcun modo – è intelligente solo perché è intelligente.

READ  Film di Taraji B. Henson, Jennifer Hudson ed Eva Longoria in vendita negli Stati Uniti - Scadenza

S: Quanto è cooperativa l’offerta? Ci sono opportunità di chiedere cose in termini di sviluppo del personaggio o anche di musica? Quanti ingressi hai?

un: Sì, e sono così grato che Telemundo e Marcos Santana, che è il presentatore, mi abbiano ascoltato. E lo amo perché sanno che conosco il personaggio dall’interno. Quindi do loro dei consigli. Ho letto ogni episodio prima di acconsentire e loro ascoltano il mio feedback. Difendo davvero [Teresa] In molti modi perché questo è un personaggio così unico che non voglio che faccia cose che non fa. A volte gli scrittori vogliono che lei faccia cose solo per aggiungere qualcosa di interessante. E io dico: “Sì, ma no quale – quale” o “Si Questo. Quindi è anche positivo che io parli con loro e loro ascoltino, ma non mi trovo nemmeno a essere più protettivo nei suoi confronti, ma non posso farne a meno.

S: Non ti metto subito, ma hai degli esempi?

un: Alla fine della seconda stagione, volevano che lo facessi [end up] Con quest’uomo, come una bella famiglia. No, questa non è Teresa. Tutti gli uomini della sua vita muoiono. Quindi, scusa, questa non può essere la fine. Perché non ha bisogno di un uomo per essere felice. Ha una figlia e basta. Questa è una delle cose per cui sosterrei, come donna, specialmente un personaggio come Teresa. Quelle piccole cose, ascoltami, grazie a Dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.