L’attivista di Hong Kong Agnes Chow salta la cauzione e si rifiuta di tornare | Notizia

Zhao, che ha svolto un ruolo di primo piano nelle proteste a favore della democrazia nel 2019, è l’ultimo dissidente a fuggire dalla repressione di Pechino.

Un’importante attivista di Hong Kong che ha svolto un ruolo di primo piano nelle proteste antigovernative del 2019 ha annunciato che non tornerà in città a causa dei timori per la sua sicurezza.

Agnes Chow, che studiava in Canada, ha annunciato domenica sera in un post sui social media che non avrebbe soddisfatto le condizioni della cauzione che avrebbero richiesto il suo ritorno. È l’ultima figura politica a fuggire da Hong Kong mentre Pechino continua una rinnovata repressione nei confronti dei dissidenti.

Chow, 27 anni, è stato arrestato nel 2020 e condannato a 10 mesi di carcere per aver partecipato a un’assemblea non autorizzata. Le accuse rientrano nella legge sulla sicurezza nazionale di Pechino, che la Cina ha imposto in risposta alle manifestazioni diffuse l’anno precedente.

È stata rilasciata su cauzione nel 2021, dopo aver trascorso più di sei mesi in prigione, a condizione che si presentasse regolarmente alla polizia. Tuttavia, Zhao ha affermato nel suo post che non rispetterà più questo requisito.

“Molte malattie emotive hanno messo il mio corpo e la mia mente in uno stato molto instabile”, ha detto Zhao nel post.


Solo quest’anno, dopo essere stata accettata all’università di Toronto, la polizia ha accettato di restituirle il passaporto se si fosse recata nella città cinese di Shenzhen, ha detto Zhao. Il viaggio comprendeva visite alla principale azienda tecnologica cinese Tencent e una mostra “nazionale” sui risultati raggiunti dalla Cina.

“Non voglio più essere costretta a fare nulla, e non voglio più essere costretta ad andare nella Cina continentale”, ha detto. “Probabilmente non tornerò per il resto della mia vita.”

READ  Riesci a stare in equilibrio su una gamba? I ricercatori vogliono che questo faccia parte di regolari visite mediche UK News

In una dichiarazione rilasciata lunedì, la polizia di Hong Kong ha condannato Chow per “sfida allo stato di diritto”.

“La polizia esorta la persona interessata a ritirarsi prima che sia troppo tardi, invece di scegliere una strada senza ritorno e portare con sé l’identità di un ‘fuggitivo’ per il resto della sua vita”, si legge nella nota.

Chow ha co-fondato l’ormai defunto partito pro-democrazia Demosisto con gli altri attivisti Joshua Wong e Nathan Law. Ma il partito è stato sciolto il 30 giugno 2020, lo stesso giorno in cui è stata emanata la legge sulla sicurezza nazionale.

L’entrata in vigore della legge ha intensificato le sfide che il movimento pro-democrazia deve affrontare, provocando l’arresto di oltre 280 persone. Joshua Wong è attualmente in custodia con l’accusa di vandalismo che comporta la possibilità dell’ergastolo in caso di condanna.

Nathan Law ha cercato rifugio nel Regno Unito e, a luglio, la polizia ha offerto una ricompensa di 1 milione di dollari di Hong Kong (127.600 dollari) per informazioni che portassero al suo arresto.

Pechino sostiene che la legge ha ripristinato la stabilità a Hong Kong dopo le diffuse proteste a favore della democrazia nel 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *