L’Asia prova a riprendersi, settimana tesa per l’Ue

Le azioni asiatiche sono leggermente aumentate dopo il tanto necessario rimbalzo a Wall Street, ma i nervi sono logorati in vista di un quasi certo aumento dei tassi di interesse in Europa e di un altro giro di rapporti sugli utili aziendali.

La settimana si preannuncia tesa per l’Europa in attesa di vedere se la Russia riprenderà il flusso di gas attraverso il suo gasdotto Nord Stream 1 il 21 luglio, mentre l’Italia vacilla sull’orlo di disordini politici se il primo ministro Mario Draghi si dimette.

Taylor Nugent, economista di NAB.

“Il nostro caso base è la ripresa dei flussi di gas”.

L’incertezza perseguiterà la Banca centrale europea in quanto terrà una riunione politica in cui è probabile che inizi un ciclo di stretta con un aumento di 25 punti base.

I mercati si stanno anche aggrappando ai dettagli di uno strumento anti-frammentazione volto ad allentare la pressione sugli oneri finanziari per i membri più indebitati del sindacato.

Gli investitori hanno trovato un po’ di sollievo nel rally di venerdì a Wall Street e il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è salito dello 0,4% lunedì, dopo essere sceso del 3,5% la scorsa settimana.

Il Nikkei giapponese è stato chiuso per ferie, ma i futures sono stati scambiati a 27.000 rispetto a una chiusura di cassa di 26.788, mentre la Corea del Sud è cresciuta dell’1,1%.

I futures S&P 500 sono aumentati dello 0,2% nelle prime contrattazioni, mentre i futures Nasdaq sono aumentati dello 0,4%.

Verrà mostrato un elenco di persone che riferiscono utili aziendali questa settimana, tra cui Goldman Sachs Group Inc, Bank of America Corp, International Business Corp, Netflix Inc, Tesla Inc e Twitter Inc.

READ  Muore il proprietario dell'Hassler Hotel, dove alloggiarono la principessa Diana, Steve Jobs e Tom Cruise

Delle 35 società dell’S&P 500 che riferiscono che l’80 percento ha superato le aspettative di Street, secondo Refinitiv.

Gli investitori sono inoltre incoraggiati dal fatto che è probabile che la Federal Reserve aumenti “solo” 75 punti base la prossima settimana, in parte a causa dell’allentamento delle preoccupazioni dei consumatori sull’inflazione.

È una settimana più leggera per i dati statunitensi, anche se il primo ciclo di rapidi sondaggi sulla produzione globale fornirà una lettura tempestiva della performance dei settori questo mese.

Il dollaro è stato più debole a 138,30 yen, dopo essere salito dell’1,8% la scorsa settimana a un massimo di 24 anni di 139,38. Contro un paniere di valute, si è attestato a 107,910, superando il massimo della scorsa settimana di 109,290.

L’euro è stato leggermente più stabile a $ 1,0089, dopo essere rimbalzato da un minimo di due decenni di $ 0,9952 la scorsa settimana.

Tassi di interesse più alti e un dollaro fermo sono stati un grosso freno all’oro non redditizio, che è rimasto bloccato a $ 1.708 l’oncia dopo aver perso il 2% la scorsa settimana.

I prezzi del petrolio sono crollati mentre il presidente Joe Biden ha continuato il suo viaggio in Medio Oriente nella speranza di ottenere un accordo sull’aumento della produzione.

Il greggio Brent è sceso di 82 centesimi a $ 100,34, mentre il greggio statunitense è sceso di 86 centesimi a $ 96,73 al barile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.