L’ascesa di Sunak risale alla rivoluzione del Partito conservatore indù. Lavora, guarda e impara | Mihir Boss

SL’arrivo di Ishi Sunak al numero 10 è una storia più complessa di quella del primo uomo bruno a ricoprire la più alta carica al mondo per proclamare la diversità del nostro paese. È il risultato di una notevole rivoluzione nell’atteggiamento del Partito conservatore nei confronti degli indù, illustrando la natura complessa dell’immigrazione asiatica del dopoguerra in questo paese. Dovrebbe anche suonare un forte campanello d’allarme per il parto. La rivoluzione conservatrice indù ha visto la sua trasformazione da un partito che storicamente odia gli indù – e questa non è una parola molto forte – a uno che si è orientato abbastanza verso gli indù perché la società perdesse la sua vecchia paura dei conservatori.

Ai conservatori potrebbe non piacere che gli venga ricordato il loro odio per gli indù, ma all’interno dell’edificio 10 Sunak non potrà mancare una foto dell’uomo che l’ha illustrato: Winston Churchill. Come riportato nel diario del segretario di Churchill a Downing Street, John Colville, al suo ritorno da Yalta nel febbraio 1945, “il Primo Ministro disse che gli indù erano una razza ripugnante, ‘la cui semplice ritirata li avrebbe protetti dalla rovina che meritavano. ‘” E Bert Harris desiderava [head of the RAF Bomber Command] Potrebbe inviare alcuni dei suoi bombardieri in eccedenza per distruggerli”.

I conservatori sosterranno di aver fatto molta strada, guidati in particolare da David Cameron, che, in Ricezione A Wembley per Narendra Modi nel 2015, ha corteggiato il primo ministro indiano pronunciando alcune parole in gujarati, mentre sua moglie Samantha indossava un sari. Questo costante flirt stava già dando buoni frutti per i conservatori: nelle elezioni del 2010, i laburisti avevano un vantaggio del 13% tra gli indù e del 48,5% tra i sikh, ma alle elezioni del 2015 i conservatori avevano un vantaggio può avanzare dell’8% tra indù e sikh insieme.

READ  Petra Ecclestone con il fidanzato Sam Palmer a cena a Santa Monica

Tuttavia, è qui che entra in gioco la complessità dell’immigrazione asiatica e con essa il fatto che Sunak non rappresenta tutti gli asiatici. A differenza delle Indie occidentali e di Windrush, l’immigrazione asiatica non può essere codificata dall’arrivo di una sola nave. C’erano due flussi migratori distinti. I primi, conosciuti nella comunità come immigrati di “fuga diretta”, arrivarono poco dopo che la Gran Bretagna aveva lasciato il subcontinente indiano, ed erano per lo più immigrati rurali dal Punjab e dal Gujarat, con una numerosa popolazione musulmana di Mirpur in Pakistan e Kashmir.

Sunak fa parte di un’ondata di asiatici completamente diversa. Ai tempi dell’impero, gli inglesi incoraggiarono i suoi antenati a migrare nell’Africa orientale, per fungere da intermediari tra gli inglesi e gli africani. Ma quando questi paesi ottennero l’indipendenza dalla Gran Bretagna negli anni ’60, acquisirono nuovi leader e in alcuni casi divennero più ostili nei confronti delle loro popolazioni asiatiche, molti di questi immigrati – compresi i genitori di Sunak – si trasferirono in Gran Bretagna. Suo padre veniva dal Kenya e sua madre dalla Tanzania. Quegli asiatici che sono immigrati dall’Africa orientale hanno storicamente avuto più ragioni per essere grati ai conservatori che ai lavoratori.

È stato il governo Tory guidato da Harold Macmillan ad accettare che gli asiatici kenioti potessero venire in Gran Bretagna se fossero stati espulsi dal Kenya, ed è stato il governo laburista guidato da Harold Wilson ad approvare l’Asian Kenya Bill, che ha rinnegato questa promessa. Nel 1972, è stato il governo conservatore di Edward Heath a vincere l’opposizione – anche di molti lavoratori – per consentire agli asiatici ugandesi espulsi dal Paese da Idi Amin. Questi asiatici hanno affrontato un ben documentato razzismo e difficoltà, ma con spiumatura e molta imprenditorialità hanno lasciato il segno nella società britannica e nell’economia britannica.

READ  L'editorialista del New York Times Charles Blue chiede "il rovesciamento della Grande Migrazione"

Sunak ha fatto gran parte della farmacia gestita da sua madre e le lunghe ore in cui ha lavorato lì. Sua madre era una delle tante asiatiche dell’Africa orientale che gestivano tali attività, in contrasto con l’immagine degli asiatici della generazione del volo diretto come operai di fabbrica.

Nel 1969, mentre lavoravo in una fabbrica a Leicester durante le vacanze estive, pensavo all’idea che gli asiatici possedessero la sua attività come una fantasia. Ad aver fatto bene sono i figli di questi africani orientali, in particolare gli indù: circa due terzi degli uomini indù svolgono lavori manageriali e professionali, ma solo circa un terzo degli uomini musulmani.

Tutte queste comunità asiatiche hanno fatto molta strada da quando i genitori di Sonak e io siamo arrivati ​​in Gran Bretagna. Nel 1972, quando accettai di affittare un piccolo appartamento, una casalinga Tory cercò di convincermi che non dovevo sostenere il Labour solo perché aveva dato India indipendenza. Mi ha assicurato che Winston Churchill avrebbe fatto lo stesso se avesse vinto nel 1945.

Il Labour ha spesso dato l’impressione di vedere ancora la società asiatica come un gruppo omogeneo, quando, come mostra l’ascesa di Sunak, è più complessa. Devi imparare dal Partito conservatore come corteggiare le varie sezioni disparate delle società asiatiche se non vuoi vedere Sunak e il suo partito cercare l’oro asiatico che ha trovato.

  • Mihir Bose è l’autore tra i suoi libri Soul of the Game, How Sports Made the Modern World, From Midnight to Glorious Morning? L’India dall’indipendenza

  • Hai un’opinione sulle questioni sollevate in questo articolo? Se desideri inviare una risposta fino a 300 parole via e-mail da prendere in considerazione per la pubblicazione sul nostro sito web Lettere Sezione, fare clic qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.