L’Arabia Saudita condanna un cittadino americano a 16 anni di carcere per tweet che criticano il regime | Regno Arabia Saudita

Cittadino statunitense condannato a 16 anni di reclusione Regno Arabia Saudita Per twittare critiche nei confronti del regime saudita, in un altro segno della violenta repressione del regno su ogni soffio di dissenso pubblicato sui social media.

Saad Ibrahim Al-Madhi, 72 anni, che detiene la doppia cittadinanza statunitense e saudita, è stato arrestato nel novembre 2021 al suo arrivo a Riyadh per quello che doveva essere un soggiorno di due settimane nel suo paese d’origine per un viaggio d’affari e personale.

Questo caso è ora il secondo incidente noto di un saudita che viveva all’estero Sono stati arrestati al loro ritorno per aver utilizzato i social media.

Salma Al-Shehab, una studentessa saudita che vive nel Regno Unito e frequenta l’Università di Leeds, è stata condannata a 34 anni di carcere per avere un account Twitter, seguire e ritwittare dissidenti e attivisti. È stata arrestata e condannata dopo essere tornata a casa per le vacanze.

Nel caso precedente, i pubblici ministeri si sono concentrati su 14 tweet che l’americano ha pubblicato in sette anni mentre viveva in Florida, inclusi post che facevano riferimento a Jamal Khashoggi, l’editorialista del Washington Post assassinato nel consolato saudita a Istanbul nel 2018.

In un’intervista al quotidiano Guardian, il figlio di Ibrahim al-Madhi ha affermato che gli agenti sauditi hanno rapito suo padre all’aeroporto e lo hanno tenuto in un hotel mentre perquisivano il suo telefono, che conteneva caricature di funzionari sauditi, come una caricatura di un cartone animato gonfio . È morto Mohammed bin Salman, il principe ereditario saudita.

È stato detenuto negli ultimi 11 mesi senza processo e alla fine è stato condannato a 16 anni di carcere seguiti da 16 anni agli arresti domiciliari. È stato condannato per aver nutrito un’ideologia terroristica e aver tentato di destabilizzare il regno. Secondo suo figlio, i funzionari statunitensi hanno assicurato alla famiglia che anche il passato è stato torturato.

READ  Trump terrà il suo primo grande raduno post-presidenza in Ohio - segui gli aggiornamenti in tempo reale

La storia di Saad Al Emadi è stata riportata per la prima volta In una colonna del Washington Post.

Un account Twitter mostra che Saad si sente a casa in America. Ibrahim ha detto che suo padre stava esercitando la sua libertà di espressione quando ha pubblicato tweet critici. Sebbene fosse a conoscenza della repressione saudita contro i dissidenti, Ibrahim ha detto che suo padre si sentiva al sicuro tornando in Arabia Saudita per una breve visita, grazie alla sua cittadinanza americana e perché faceva parte di una tribù molto apprezzata nella società saudita.

“Intoccabile. Questo è ciò che pensava. Ma nessuno è intoccabile sotto Mohammed bin Salman. disse Ibrahim. “Era in trappola.”

Parlando al Guardian dalla Florida, Ibrahim ha espresso profonda frustrazione per la gestione del caso di suo padre da parte del governo degli Stati Uniti. Dopo mesi di silenzio – presumibilmente su richiesta del governo degli Stati Uniti – ha accusato gli Stati Uniti di aver gestito male la crisi. Né il governo degli Stati Uniti ha classificato il caso di Almadi come implicante una “detenzione illegale” di un americano, una designazione che darebbe al caso una priorità più alta all’interno della burocrazia statunitense.

“Stanno aspettando che mio padre muoia in prigione finché non lo conoscono… poi gli costruiscono una statua”, ha detto.

Come nel caso di Salma Shehab, Ibrahim ha detto che credeva che suo padre – che aveva meno di 2.000 follower su Twitter – fosse stato corrotto da qualcuno che aveva raccontato i suoi tweet politicamente sensibili usando un’app chiamata Colonia è al sicuro o siamo tutti al sicuro. L’applicazione può essere scaricata su telefoni Apple e Android. Le società non hanno risposto in precedenza alle domande sull’hosting dell’app e sul suo uso apparente nelle violazioni della libertà di espressione.

READ  Biden dice che è `` stanco '' di parlare di Trump e che è un presidente solo per non chiamarlo

Citando gli alti tassi di povertà in Arabia Saudita, Ibrahim Al-Madhi ha dichiarato: “La gente fa gesti come attività secondaria per raccogliere fondi. Questo è ciò che il governo ha fatto fare al suo popolo”.

Il Dipartimento di Stato non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.