L’Arabia Saudita afferma che almeno 1.300 pellegrini sono morti a causa del caldo estremo Pellegrinaggio

L'Arabia Saudita ha affermato che almeno 1.300 persone sono morte durante lo svolgimento dell'Hajj, che si è svolto in condizioni di temperature estreme, aggiungendo che la maggior parte dei deceduti non aveva permessi ufficiali.

L’agenzia ufficiale Saudi News Agency (SPA) ha dichiarato: “Sfortunatamente, il numero dei morti ha raggiunto 1.301, l’83% dei quali non avevano la licenza per eseguire l’Hajj e hanno camminato per lunghe distanze sotto la luce diretta del sole, senza un adeguato riparo o riposo”.

Il bilancio della scorsa settimana, compilato dall'Agence France-Presse sulla base delle dichiarazioni ufficiali dei diplomatici, ammontava a oltre 1.100 il bilancio delle vittime. Diplomatici arabi hanno detto all'AFP che gli egiziani hanno ucciso 658 persone, inclusi 630 pellegrini non registrati.

Riyadh non aveva commentato pubblicamente le morti né fornito il proprio bilancio a partire da domenica. Ma venerdì, un alto funzionario saudita ha riferito che il bilancio delle vittime aveva raggiunto 577 nel giorno più trafficato dell’Hajj: il 15 giugno, quando i pellegrini si riunivano per ore di preghiera sotto il sole cocente sul Monte Arafat; E il 16 giugno, dove hanno partecipato al rito della “lapidazione del diavolo” a Mina.

Domenica, il ministro della Sanità saudita Fahd Al-Jalajel ha descritto la gestione dell’Hajj di quest’anno come “di successo”.

Ha detto che ci sono stati tentativi di educare il pubblico sui pericoli del caldo estremo e ha aggiunto: “Possa Dio avere pietà del defunto e avere pietà di lei. “Le nostre più sentite condoglianze alle loro famiglie”.

L'Hajj è uno dei cinque pilastri dell'Islam che tutti i musulmani benestanti devono compiere almeno una volta nella vita. Funzionari sauditi hanno affermato che quest'anno hanno partecipato 1,8 milioni di pellegrini, un numero simile a quello dell'anno scorso, e che 1,6 milioni provenivano dall'estero.

READ  Guerra in Ucraina: gruppo del governatore di Belgorod 'pronto a incontrare' che ha catturato due soldati russi | notizie dal mondo

Negli ultimi anni, i rituali all’aperto sono diminuiti, soprattutto durante la calda estate saudita. Le temperature alla Mecca quest'anno sono salite a 51,8 gradi Celsius (125,2 Fahrenheit).

Il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly ha ordinato sabato di ritirare le licenze a 16 aziende turistiche e di deferire i loro dirigenti al pubblico ministero a causa del pellegrinaggio illegale alla Mecca, ha riferito il governo egiziano.

Ha detto che l’elevato numero di morti di pellegrini egiziani non registrati deriva da alcune società che “hanno organizzato programmi Hajj utilizzando un visto di visita personale, che impedisce ai suoi titolari di entrare alla Mecca” attraverso canali ufficiali.

I permessi per l'Hajj vengono assegnati ai paesi in base a un sistema di quote e distribuiti agli individui tramite lotteria.

Anche per coloro che se lo possono permettere, i costi elevati spingono molti a tentare di celebrare l’Hajj senza permesso, anche se rischiano l’arresto e la deportazione se scoperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *