L’anno scorso gli Stati Uniti hanno registrato il maggior numero di decessi per rabbia in un decennio.

NEW YORK – Cinque americani sono morti l’anno scorso di rabbia – il numero più alto in un decennio – e i funzionari sanitari hanno detto giovedì che alcune persone non si sono rese conto di essere state infettate o hanno rifiutato le iniezioni salvavita.

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie Rapporto pubblicato In tre decessi, tutti sono stati causati dal contatto con i pipistrelli. I funzionari dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno affermato che le morti sono state tragiche e prevenibili.

Uno di loro, un uomo dell’Illinois di 80 anni, ha rifiutato di assumere dosi salvavita a causa di una paura di vecchia data dei vaccini. Un uomo dell’Idaho e un ragazzo del Texas non si sono fatti vaccinare perché credevano che nessun morso o graffio di pipistrello avrebbe rotto loro la pelle.

In tutti e tre i casi, “le persone hanno sottovalutato l’esposizione (ai pipistrelli) o non si sono resi conto della gravità della rabbia”, ha affermato Ryan Wallace, un esperto di rabbia presso il CDC e coautore del rapporto.

Altre due morti si sono verificate all’inizio del 2021. Una di queste riguardava un uomo del Minnesota punto da un pipistrello. I funzionari del CDC hanno affermato che gli è stata somministrata l’iniezione, ma un problema del sistema immunitario non diagnosticato ne ha ostacolato l’efficacia. L’altra vittima è stata morsa da un cane rabbioso durante un viaggio nelle Filippine ed è morta a New York dopo essere tornata negli Stati Uniti

La rabbia è causata da un virus che invade il sistema nervoso centrale ed è solitamente fatale per gli animali e l’uomo. La malattia si diffonde più comunemente attraverso il morso di un animale infetto, con la maggior parte delle infezioni americane negli ultimi anni che sono state fatte risalire a incontri con pipistrelli.

READ  La NASA inizia il conto alla rovescia per la fine della missione Insight su Marte

L’infezione può causare insonnia, ansia, confusione, paralisi, salivazione, allucinazioni, difficoltà a deglutire e paura dell’acqua.

La morte può verificarsi solo due settimane dopo l’inizio dei sintomi. Ma può essere prevenuto da una serie di cinque scatti entro due settimane dall’esposizione.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie affermano che circa 60.000 americani vengono curati ogni anno dopo una potenziale esposizione alla rabbia.

Non sono stati segnalati decessi per rabbia nel 2019 o nel 2020. I funzionari dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno affermato che l’ultima volta che sono stati segnalati cinque decessi per rabbia negli Stati Uniti in un anno è stato il 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.