Lamont Marcel Jacobs è diventato il terzo uomo nella storia a vincere due titoli olimpici ed europei dei 100 metri

Il 27enne italiano ha chiuso con un tempo di 9,95 secondi, in parte davanti a Zharnel Hughes di GB che ha chiuso in 9,99 secondi e al compagno di squadra di Hughes, Jeremiah Azu, che ha concluso la gara in 10,13 secondi.

In tal modo, Jacobs è diventato il terzo uomo nella storia a vincere due volte l’oro olimpico nei 100 metri e l’oro europeo consecutivo – dopo Valerie Borzov dell’Unione Sovietica e la britannica Linford Christie – dopo aver sconvolto il mondo a Tokyo 2020 quando hanno preso d’assalto alla vittoria.

Questa vittoria ha anche posto fine a una stagione piena di infortuni, in cui ha dovuto ritirarsi dalle competizioni e ha dovuto fare i conti con disturbi e muscoli prima del Monaco.

E dopo una stagione così frustrante, la vittoria è stata ancora più soddisfacente per Jacobs.

“Sono molto contento di questo risultato. Non è stata la mia gara migliore tecnicamente e il tempo non è quello che voglio, ma era importante tagliare il traguardo per primo dopo una stagione all’aperto molto complicata e piena di infortuni”, Jacobs Egli ha detto Dopo la gara.

“Venire qui e dimostrare di essere il migliore è una cosa bellissima che mi motiva a fare di più”.

Prima dell’inizio della stagione, il suo obiettivo era vincere tre medaglie. Con due delle sue tre medaglie, Jacobs ha vinto il titolo mondiale indoor dei 60 metri a Belgrado a marzo. Dice L’anno nel suo complesso può essere considerato un “buon risultato”.

“Dovermi ritirare dalle semifinali ai Mondiali è stata una grande delusione, ma l’anno prossimo ci sarà un altro torneo e tutta la mia motivazione sarà quella di fare bene lì”, ha detto.

“Voglio ringraziare le persone che mi hanno supportato, così come le persone che mi hanno criticato per avermi dato l’energia per dimostrare che sono il migliore.

READ  Il Tottenham si è assicurato il colpo di stato di Lenglet con un prerequisito mancante, poiché Conte ha in programma un altro accordo per completare l'intero set

“Mi piacerebbe rivederlo perché penso di aver corso meglio in semifinale. Forse ero troppo nervoso e non sono partito bene e poi sono riuscito a riprendere il ritmo, ma era importante finire il Mi stavo allenando per i primi mattoni, mi sentivo un po’ fiacco al polpaccio, ma ho cercato di mollare tutto e fortunatamente era solo un piccolo problema.

“Il momento non è così bello come volevo perché miro sempre al meglio, ma ne sono felice. Molte persone pensavano che non sarei nemmeno partito e vincere l’oro significava che stavamo andando bene e che potrei continuare a fare grandi cose. Ora, sto cercando di vincere di più con il 4×100”.

casa preferita

Nella finale dei 100 metri femminili, Gina Luckenkemper ha dato al pubblico prevalentemente tedesco qualcosa da esultare.

La 25enne, che ha vinto la medaglia d’argento agli Europei 2018, ha preso il comando in casa, vincendo l’oro davanti al pubblico di casa.

In un finale molto serrato, Lückenkemper ha stabilito un miglior tempo stagionale di 10,99 secondi per vincere l’oro, appena 5.000 davanti allo svizzero Mujinga Kambundji al secondo con 10,99 (0,989), mentre il britannico Daryll Neita è arrivato terzo con un tempo di 11,00 secondi.

Lückenkemper: “Ti sono incredibilmente grato” esclamare al pubblico dopo la sua vittoria. “Rimanere in quel calderone oggi è incredibilmente motivante.”
Lückenkemper festeggia dopo aver vinto la medaglia d'oro nella finale dei 100 metri femminili agli Europei del 2022.

La tre volte campionessa europea Dina Asher-Smith non è riuscita a tagliare il traguardo in ultima posizione dopo aver lamentato dei crampi.

“Ho avuto crampi a entrambe le gambe e non sono mai stato così sconvolto in vita mia durante una gara, e questo potrebbe avere qualcosa a che fare con la mia idratazione, quindi tornerò a controllare con il mio squadra,” Egli ha detto Subito dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.