L’amministratore delegato di UniCredit afferma che l’Europa può sfidare le avversità ed evitare una recessione

Giovedì 3 settembre 2020, un pedone che indossa una mascherina protettiva passa davanti a una filiale di UniCredit SpA a Milano, Italia.

Camila Sierra | fioreberg | Immagini Getty

Dati recenti suggeriscono che l’eurozona potrebbe sfidare le probabilità ed evitare una recessione, secondo Andrea Ursell, amministratore delegato della banca italiana. Unicredit.

L’inflazione complessiva nell’Eurozona è stata del 9,2% su base annua a dicembre, segnando un secondo mese consecutivo di calo dal massimo di ottobre del 10,7%, ma comunque ben al di sopra del tasso record di ottobre. Banca centrale europeaObiettivo del 2%.

Aumento dei costi alimentari ed energetici sulla scia Invasione russa dell’Ucraina Nel febbraio 2022 ha esercitato un’enorme pressione sull’economia della zona euro e ha spinto Banca centrale europea Avviare una serie di forti aumenti dei tassi di interesse nella speranza di controllare l’inflazione.

Tuttavia, un inverno mite ha ridotto il rischio di penuria di gas e prezzi dell’energia in calo, mentre la fiducia dei consumatori e le aspettative delle imprese in tutto il blocco valutario dei 20 paesi sono migliorate negli ultimi mesi.

Nel frattempo, la Germania, la più grande economia europea, ha ristagnato anziché contrarsi come ampiamente previsto nel quarto trimestre.

La recente ondata di dati economici ha spinto alcuni economisti nell’ultima settimana a farlo Hanno alzato le loro aspettative per la zona euro E oltre.

“La nostra visione era di una lieve recessione per l’anno, ma da allora se guardiamo a tutti gli indicatori che vediamo, probabilmente vediamo il rischio al rialzo, quindi stiamo osservando qualcosa che potrebbe non essere nemmeno una recessione”, Ursell ha detto alla CNBC. Forum economico mondiale a Davos, in Svizzera.

READ  Un anno di costruzione presso la stazione ferroviaria dell'aeroporto di Riga / Articolo

Ha aggiunto che c’erano ancora “rischi significativi” per l’ondata di cauto ottimismo.

“Non sappiamo davvero come si svilupperà la guerra, c’è sempre un ritardo nell’impatto di un aumento dei tassi, quindi non sappiamo davvero come un rapido aumento dei tassi influenzerà l’economia, probabilmente uno dei più grandi cambiamenti nelle catene del valore e nella geopolitica che abbiamo visto dalla seconda guerra mondiale”.

Si prevede che la Banca centrale europea implementerà un ulteriore aumento di 50 punti base dei tassi di interesse, aumentando al contempo il tasso di riferimento dal 2% al 2,5%. Il membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea e governatore della Banca del Portogallo, Mario Centeno, ha dichiarato martedì alla CNBC che “come minimo” ci saranno altri aumenti dei tassi nel 2023.

Ursel ha riconosciuto che la BCE ha un “compito molto difficile” poiché cerca di affrontare l’inflazione alzando i tassi di interesse, che alcuni economisti hanno avvertito danneggerà ulteriormente la crescita.

“L’Europa ha un diverso tipo di inflazione rispetto agli Stati Uniti, dipende principalmente dall’energia e dall’approvvigionamento alimentare, quindi quello che stanno cercando di fare per affrontare l’inflazione è ridurre il resto della domanda, ma questo sta chiaramente avendo un effetto sproporzionato, chiamiamolo che, sull’economia lontano su quelle merci.

“Dato l’effetto ritardo e tutto il resto e il fatto che l’economia europea è piuttosto volatile e quindi, eravamo preoccupati che se si fosse rafforzata in modo significativo al di sopra del 2%, avrebbe potuto avere effetti indesiderati in seguito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.