L’amministratore delegato del Selfridges Group Anne Pitcher si dimette per far posto a una nuova era

Per ricevere la newsletter di Vogue Business, Registrati qui.

I cambiamenti sono in corso a Selfridges. Anne Beecher, amministratore delegato di Selfridges Group, si è dimessa dopo aver completato la vendita della società al gruppo centrale con sede in Thailandia e alla società immobiliare austriaca Signa Holding. Questo annuncia una nuova era per il gruppo, che possiede catene di grandi magazzini come Selfridges, Brown Thomas, Arnots e de Begenkorff.

Pitcher sarà sostituito da Stefano Della Valle, amministratore delegato della filiale europea di Central Group. Della Valley dirige già la catena di supermercati tedesca Kadewe, l’italiana Rinascente, la svizzera Globus e la danese Illum.

La famiglia Weston, che ha acquisito Selfridges nel 2003 per 598 milioni di sterline, l’estate scorsa ha messo in vendita il rivenditore di lusso britannico. A dicembre, è stato annunciato che Central Group – controllato dalla famiglia del miliardario Chirathivat – e Signa Holding avrebbero preso ciascuna il 50% delle azioni. L’accordo ha un valore di circa 4 miliardi di sterline, portando a 40 il numero di negozi di lusso nel portafoglio combinato di Central e Signa.

Pitcher è entrata a far parte di Selfridges nel 2005 da Harvey Nichols, dove era direttrice degli acquisti e del marketing. In precedenza ha trascorso 25 anni presso Harrods. È diventata l’amministratore delegato del famoso Selfridges in Oxford Street, Londra nel 2011, prima di assumere la guida del gruppo nel 2019. È accreditata di aver guidato la ristrutturazione pionieristica da 300 milioni di sterline e di aver guidato una serie di progetti di vendita al dettaglio sperimentali, oltre al Project Iniziativa della Terra.

READ  UniCredit lancia in Italia il progetto pilota di formazione dei dipendenti By Reuters

Una dichiarazione via e-mail di Central e Signa ha affermato che Pitcher prevede di “rimanere nel team di leadership dell’azienda fino alla fine dell’anno per garantire una corretta integrazione nel gruppo appena formato”.

Commenti, domande o feedback? Contattaci al feedback@voguebusiness.com.

Altro da questo autore:

L’inflazione e l’incertezza in Cina gettano un’ombra sulle previsioni di Estée Lauder

Collective Vestiaire paga la “sovracarica” ​​degli Stati Uniti chiudendo Tradesy

Richemont afferma che i pareggi di LVMH rendono Trapani “inadatto” per il consiglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.