L’ambizione di Allegri va dalla Juve all’ippica

L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha molto a che fare con il club torinese, ottavo in Serie A, ma ambizioso come sempre nelle corse di cavalli.

Il suo cavallo Real Cecil, di proprietà dell’allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti, è arrivato in gara giovedì a Chantilly, in Francia, per rivendicare la quinta vittoria di Allegri in questo sport, come gli scudetti vinti con la Juventus.

Allegri si è diffuso nel 2019 per aver usato il gergo delle corse di cavalli per dire che la Juventus doveva vincere solo lo scudetto – “Corto Musso” in italiano. Il termine è poi entrato nel dizionario italiano Treccani, a cui è attribuita la prevalenza del termine.

Il 55enne può solo supervisionare a distanza l’andamento dei suoi cavalli per via dei suoi impegni con la Juventus, ma ci tiene a mantenere i contatti regolari con Alessandro Botti, che li allena a Chantilly.

“E’ un po’ come il titolare di un club che vuole sapere prima della partita quale squadra manda in campo l’allenatore… I cavalli dopotutto sono come atleti di alto livello”, ha detto Poti alla Gazzetta dello Stato. gli sport.

“Sa il fatto perché può notare immediatamente se ci sono problemi o se la fortuna è cattiva, e se un cavallo o un fantino potrebbero fare di meglio.

“È più facile lavorare in questo modo, perché Max è ambizioso (nelle corse di cavalli) come lo è nel calcio”.

READ  Il giorno in cui il Leeds United ha ospitato la "generazione d'oro" dell'Inghilterra, tre stelle di Island Road sono apparse contro l'Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.