L’ambasciata italiana rifiuta il “nuovo percorso di visto” per i sudafricani come una truffa

L’Ambasciata italiana a Pretoria ha respinto le segnalazioni di un “nuovo percorso di visto” per ottenere la cittadinanza italiana come una frode.

Il nuovo programma sarebbe stato creato dall’Agenzia delle Entrate italiana (Agenzia delle Entrate) per incoraggiare le persone economicamente attive a migrare in Italia, secondo Chas Everitt International.

Chas Everett ha affermato che il nuovo programma è offerto dal governo italiano in collaborazione con il gruppo di consulenza finanziaria e la sua controllata Arkadia, descrivendolo come un “programma di residenza opzionale disponibile per le persone che sono in grado di essere finanziariamente autosufficienti o che desiderano avviare un nuovo business.”

La notizia è stata riportata su piattaforme media tra cui Property24 e BusinessTech.

Tuttavia, dopo i rapporti sul programma, l’Ambasciata italiana ha indagato sui suoi rapporti con Arkadia e ha scoperto che non esisteva tale affiliazione. Da allora Chas Everitt ha rimosso i riferimenti al programma dal suo sito web.

“La nostra presentazione al programma di residenza elettiva italiana è stata sospesa in attesa dell’esito di un processo e della messa a punto di alcuni controlli e contrappesi rispetto all’offerta”, ha affermato Chas Everett.

La risposta dell’ambasciata

L’ambasciata italiana ha detto di voler chiarire che non esiste un “nuovo programma” per ottenere la residenza e il passaporto italiani, né esiste un programma specifico per i sudafricani.

Ha anche notato che per ottenere la residenza attraverso i canali ufficiali, “non è necessario spendere ciò che si dice su di lui”.

“Basta rispettare i requisiti previsti dalla legge italiana”.

Ha detto che l’Italia offre solo due visti speciali:

  • Visto per investitori – per gli stranieri che scelgono di investire negli asset strategici dell’economia e della società italiana; e
  • Visto di residenza opzionale – per gli stranieri che hanno scelto l’Italia come paese di residenza permanente, acquistano o affittano immobili lì e sono in grado di mantenersi in modo indipendente, senza dover fare affidamento sul lavoro mentre si trovano in Italia.
READ  LinkedIn deve affrontare un'indagine dopo la fuga di dati personali

“Per un cittadino straniero che dimostri la residenza in Italia, l’ottenimento della cittadinanza italiana e del passaporto richiede molto più di un anno. Per avere diritto occorre risiedere in Italia da almeno 10 anni – o quattro anni, per i cittadini di un altro Paese dell’UE”. Non ci sono scorciatoie”, ha detto.

“Né Arkadia né un gruppo di consulenza finanziaria collabora con il governo italiano per quanto riguarda la politica dei visti e dei permessi di soggiorno. Non esiste una partnership in Sudafrica tra le autorità italiane e Chas Everitt.

“Non esiste un programma incentrato sull’Umbria, che è la regione in cui ha sede Arcadia – che afferma falsamente di collaborare con le autorità italiane”, ha affermato.

L’ambasciata ha affermato che non c’era bisogno di un intermediario nel processo di ottenimento della residenza, e nessun permesso è stato concesso a nessuno.

L’Ambasciata d’Italia a Pretoria, il Consolato Generale d’Italia a Johannesburg e il Consolato a Città del Capo e l’unico contraente esterno autorizzato per i visti presso FS Global accettano solo le domande di visto presentate direttamente dai richiedenti.

“L’unica tassa da pagare per fare domanda è la tassa per il visto ‘tipo D’ di € 120, più una piccola commissione se si utilizza VFS. Una volta che una persona ha questo visto, la prova della residenza in Italia e l’ottenimento del permesso di soggiorno è molto semplice e non richiede anche la mediazione.


Leggi: Una nuova rotta per i sudafricani che vogliono immigrare in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.