L’aggiornamento di WhatsApp consentirà alle persone di modificare i messaggi dopo che sono stati inviati, ma c’è un problema

WhatsApp consentirà finalmente alle persone di modificare i messaggi dopo che sono stati inviati.

Ciò significa che l’app si unisce a una serie di altre piattaforme, come iMessage e Slack, consentendo alle persone di risolvere i problemi con un messaggio. Ciò segue la recente aggiunta dell’opzione per eliminare completamente i messaggi.

Mark Zuckerberg, CEO della società madre di WhatsApp, Meta, ha affermato che la funzione è ora in fase di distribuzione agli utenti di tutto il mondo e sarà disponibile per tutti nelle “prossime settimane”.

Quando sarà disponibile, gli utenti potranno premere a lungo il messaggio e fare clic sul pulsante Modifica per modificare ciò che dice.

Questa opzione sarà disponibile per quindici minuti dopo l’invio. È molto più breve dell’opzione di eliminazione del messaggio e ora sono due giorni e mezzo, dopo averlo esteso l’anno scorso.

Come per i messaggi cancellati, non sarà possibile cancellare i messaggi di nascosto, per evitare situazioni imbarazzanti o la possibilità di far sembrare fuorvianti i testi delle chat. Qualsiasi messaggio modificato avrà un piccolo messaggio “Modificato” accanto, per informare le persone del cambiamento.

WhatsApp ha affermato che la funzione può essere utilizzata per “correggere un semplice errore di ortografia per aggiungere ulteriore contesto al messaggio”.

La nuova modifica è solo l’ultima di una serie di piccole modifiche a WhatsApp volte a rendere l’app più facile e meno frustrante da usare. Ciò include una nuova funzione di chat segrete, correzioni al modo in cui funzionano i sondaggi e l’inoltro dei messaggi e l’opzione per far scomparire i messaggi.

READ  Rumor: le immagini trapelate del modello OLED di Zelda: Kingdom's Tears Switch sono apparse online

Arriva anche poco dopo che l’app è stata criticata per essere apparentemente entrata nei microfoni delle persone mentre non stavano usando l’app. WhatsApp ha affermato che si trattava di un bug causato dal software nel sistema operativo Android di Google e ha insistito sul fatto che non stava ascoltando gli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *