La vittoria dell'Italia agli Europei del 1968, la storia di Catanasio e Facchetti

Sin dagli anni '60, i difensori italiani sono noti per il loro comportamento altruista, spesso sacrificando il proprio corpo per la squadra. Il loro atteggiamento impavido include pugnalate alle spalle, pedinamento e contrasti feroci contro i nemici in situazioni pericolose. L'Italia continua a produrre un gran numero di terzini di livello mondiale, rinomati per la loro capacità di rifiutare di subire gol. Ma la vera essenza della difesa italiana risiede nel coordinamento con l’attacco.

Un difensore, il compianto Giacinto Facchetti, si distingue per il suo acume strategico. La sua maglia numero 3 simboleggia la sua strategia, che richiede l'inserimento dell'attuale allenatore Luciano Spalletti. A Euro 2024, l'eredità di Facchetti ispira un approccio incessante al gioco.

Omaggio a Giacinto Facchetti: ritirata definitivamente la maglia numero 3

Il n. 1 dell'Inter 3 La maglia verrà ritirata per sempre. Ha dedicato la sua carriera all'Inter dal 1960 al 1978, diventandone direttore tecnico e presidente. Facchetti ha cambiato le regole del gioco, rivoluzionando il ruolo di terzino diventando una forza offensiva in campo, anche se ha usato il piede destro mentre giocava a sinistra. Ha capitanato la nazionale italiana 70 volte in 94 partite internazionali, portandola alla vittoria a UEFA Euro 1968.

Indimenticabile Semifinale contro l'Unione Sovietica, che si è concluso con un pareggio dopo i tempi supplementari (prima che venissero imposti i calci di rigore), ha correttamente chiamato testa al lancio della moneta per determinare il vincitore. Dopo una vittoria per 2-0 sulla Jugoslavia, vinsero il trofeo del campionato.

Con i suoi successi con l'Inter, inclusa la vittoria della Coppa dei Campioni nel 1964 e nel 1965, Facchetti ha stabilito un record impressionante per un difensore con 59 gol in 476 partite. Va ribadito che ha giocato sulla fascia sinistra del campo pur essendo un destro naturale. Questa strategia spesso avvantaggia i giocatori che utilizzano l'intera larghezza del campo per creare tiri e passaggi potenti utilizzando lo spazio vuoto sul loro lato dominante.

Catanasio: la famigerata difesa dell'Italia

Giacinto Facchetti fu la figura centrale del 'Catenaccio'. A Euro 1968, la difesa “a catenaccio” rese l'Italia famosa come praticante delle arti oscure. La tattica difensiva ha ispirato il termine “parcheggiare l'autobus” nella terminologia calcistica. In altre parole, ogni volta che l’Italia voleva impedire a una squadra di segnare, soffocava le proprie tre con le magliette azzurre, creando un’atmosfera claustrofobica per gli avversari. Senza l'unica punta a centrocampo, dieci giocatori daranno fastidio alla porta. Di conseguenza, le squadre avversarie non sono riuscite a segnare contro gli Azzurri. Nello specifico, a tre difensori sono stati assegnati compiti di marcatura a uomo, seguendo gli avversari per un'intera partita. Alla fine, questo sistema ha dato vita a un contrasto spietato ritenuto legale dagli arbitri.

READ  Inghilterra-Italia, Sei Nazioni 2021: a che ora è il calcio d'inizio, su quale canale è trasmesso, qual è la nostra previsione?

Tuttavia, il “Sistema Evaluto” di Catanasio non sarebbe stato possibile senza l'allenatore argentino dell'Inter, Helenio Herrera. Molte squadre all'epoca seguivano la versione del Catanasio italiano di coach Herrera. In particolare, uno spazzino respingeva le palle vaganti dietro la schiena, il che consentiva “lanci lunghi” per un unico attaccante. Tuttavia, gli emulatori devono comprendere l'integrazione del contrattacco; Herrera ha avuto il vantaggio di sfruttare il tocco rapido di Giacinto Facchetti.

“La maggior parte delle persone che mi hanno copiato mi hanno copiato male.” Helenio Herrera ha detto. “Ho avuto Giacinto Facchetti, il primo terzino a segnare tanti gol quanto un attaccante”.

Le origini di Catanasio: l'influenza dei manager italiani

Dieci anni fa, Helenio Herrera vinse due campionati con l'Atlético Madrid e utilizzò una versione arcaica del Catanaccio soprannominata la “cortina di ferro”. Tuttavia, Catenacio non si è evoluto solo con Herrera. Il suo successo fu attribuito a tre allenatori italiani negli anni Quaranta: la Triestina di Mario Villini nel 1941, lo Spezia di Ottavio Barbieri nel 1944 e la Salernitana di Giuseppe Vianney nel 1948. Nella loro tattica, i centrocampisti centrali competono a pieno titolo come difensori e arretramenti. Tuttavia, le squadre che utilizzano queste tattiche rimangono indietro fisicamente e tecnicamente. Allora,' c'è la situazione per fermare l'autobus.

Alla fine Barbieri scoprì la posizione dello “spazzino”, una scoperta chiave nell'evoluzione di Cattanasio. Eppure, per l'allenatore dell'AC Milan Nerio Rocco, questo significava un modulo 1-4-4-1, impiegando un libero libero dietro la linea di fondo e un'unica punta in attesa del lancio lungo. Mister Rocco vinse due scudetti con il Cattanasio nel 1961 e nel 1967.

READ  Cosa hanno detto Baggio, Totti e Del Piero ai giocatori dell'Italia in vista di Euro 2024

Stregoneria del calcio

Per il pubblico, questa strategia equivaleva a “strega” o stregoneria. Fanatici ed esperti rimproverarono gli italiani per il loro comportamento antisportivo. Per i fanatici è un calcio di cattivo gusto. Tuttavia, per il giocatore e l'allenatore, è geniale. “Il fine giustifica i mezzi”, Niccolò Machiavelli è stato distrutto. Riecheggiano le parole dei diplomatici italiani del XV secolo 'CalcioItaliano.' Qualsiasi metodo utilizzato per raggiungere l'obiettivo è accettabile. Questa dicotomia aggiunge profondità alla storia, consentendo al lettore di formare la propria prospettiva. Gli italiani sono stati i primi ad ammettere che Cadenaccio era Kopacetic nel suo calcio. Indubbiamente la conoscenza degli arcani del catenaccio da parte di coach Luciano Spalletti è leggendaria. Tuttavia gli Azzurri sono stati associati a questo sistema e hanno sviluppato un'importante opposizione.

Dopo aver vinto gli Europei del 1968, Giacinto Facchetti e i suoi connazionali italiani hanno intrapreso un viaggio epico verso la finale della Coppa del Mondo del 1970 a Città del Messico. Tuttavia, i loro avversari – il potente Brasile – hanno scoperto i buchi della difesa italiana. Nella seconda metà della finale, Celiso di Pelé ha colpito tre volte la porta dell'Italia. Quindi, la fama del “Ginga Futebol” del Brasile è diventata un capolavoro dell'intrattenimento. Uno stile di calcio che gli è valso i campionati del mondo consecutivi nel 1958 e nel 1962. Tuttavia, il Brasile si è unito ai ranghi dell'Italia; Giuseppe “Peppino” Meazza e i suoi Azzurri vinsero due volte la Coppa del Mondo, nel 1934 e nel 1938. Successivamente il primo ministro italiano Benito Mussolini Ha educato il suo partner, Adolf Hitler, in una partita di 'Calcio'. Successivamente, Der Führer usò il “fussball” come propaganda di massa nella Germania nazista.

READ  "In Italia non brillava in quel ruolo"

Guardiani italiani: un'eredità onorevole

La tradizione italiana di produrre difensori di livello mondiale è motivo di orgoglio nazionale. Dal pionieristico Giacinto Facchetti agli iconici Franco Baresi e Paolo Maldini, i difensori si sono evoluti, ognuno con un impatto indelebile sul gioco. Il testimone è passato alla generazione successiva di difensori, tra cui Alessandro Nesta, Fabio Cannavaro e Gianluca Zambrotta, che hanno aperto la strada a giocatori del calibro di Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci. Ora, i promettenti nuovi arrivati ​​Giovanni Di Lorenzo, Gianluca Mancini e Federico DiMarco stanno assicurando che l’eredità della difesa italiana continui a prosperare.

Tuttavia, a Euro 2024, l'allenatore Luciano Spalletti vuole utilizzare uno stile di calcio offensivo. L’ex allenatore del Napoli può trarre conforto da questa nuova ondata di difensori italiani che operano in modalità ibrida. Come Facchetti, Federico DiMarco entra in azione dalle fasce e segna. E gioca box-to-box, DiMarco con la barba a prova di proiettile e Di Lorenzo con lo sguardo da lanciafiamme, senza il fiuto da gol di Mancini e lo sguardo da assassino. Il difensore della Roma ha dimostrato di essere pericoloso sui calci piazzati. Insieme, i tre sono come l'ufficio del triumvirato nell'antica Roma.

La difesa ha vinto il campionato

Eroi difensivi come Marco Materazzi contro la Francia nella finale dei Mondiali del 2006, segnando il pareggio con un colpo di testa. E proprio a Fabio Grosso si deve la vittoria della semifinale contro la Germania, un difensore che, come Leonardo Bonucci nella finale di Euro 2020 contro l'Inghilterra, ha segnato un flash-bang del pareggio per gli Azzurri.

Alla fine l'Italia ha dimostrato che non conta chi segna; Se la palla invade la porta, il risultato giustificherà i mezzi. Grazie all'impegno pionieristico di Giacinto Facchetti e Helenio Herrera, le istruzioni arrivano soprattutto dai difensori.

Foto: Imago

Euro 2024

Ecco alcune risorse per prepararti agli Europei!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *