La Valles Marineris di Marte, 20 volte più ampia del Grand Canyon, è visibile in nuove straordinarie foto

L’imponente Valles Marineris è stata rivelata in nuove straordinarie immagini catturate dal Mars Express dell’Agenzia spaziale europea.

La valle del Pianeta Rosso è lunga 2.485 miglia, larga più di 124 miglia e profonda più di 4 miglia, facendo sembrare l’America piuttosto debole in confronto. La Vallis Marineris si estende dalla punta settentrionale della Norvegia alla punta meridionale della Sicilia.

La nuova immagine raffigura due trincee, o voragini, che fanno parte della parte occidentale della Valles Marineris. Sulla sinistra c’è lus Chasma che è lungo 521 miglia e sulla destra c’è Tithonium Chasma che è lungo 500 miglia.

L’immagine utilizza i dati della telecamera stereo ad alta risoluzione (HRSC) a bordo del Mars Express ed è un’immagine “true color”, il che significa che mostra ciò che l’occhio umano vedrebbe se guardasse questa regione di Marte.

Scorri verso il basso per il video

Questa vista prospettica obliqua del Tithonium Chasma (nella foto sopra), che fa parte della struttura della valle di Valles Marineris su Marte, è stata creata dal modello digitale del terreno, dai canali analogici e di colore della telecamera stereo ad alta risoluzione sul Mars Express dell’Agenzia spaziale europea .

L'immensa valle del pianeta rosso è stata svelata in nuove immagini diffuse dall'Agenzia spaziale europea.  La nuova immagine raffigura due trincee, o voragini, che fanno parte della parte occidentale della Valles Marineris.  Sulla sinistra c'è il Lus Chasma Trail di 521 miglia e sulla destra c'è il Tithonium Chasma Trail di 500 miglia

L’immensa valle del pianeta rosso è stata svelata in nuove immagini diffuse dall’Agenzia spaziale europea. La nuova immagine raffigura due trincee, o voragini, che fanno parte della parte occidentale della Valles Marineris. Sulla sinistra c’è il Lus Chasma Trail di 521 miglia e sulla destra c’è il Tithonium Chasma Trail di 500 miglia

Questa immagine di Tethonium Chasma mostra linee parallele e cumuli di detriti (in alto a destra) che indicano una recente frana.

Questa immagine di Tethonium Chasma mostra linee parallele e cumuli di detriti (in alto a destra) che indicano una recente frana.

Sopra c'è un'illustrazione di una vista inclinata del sistema gigante della Valles Marineris Valley su Marte.  I canyon erano formati da una combinazione di faglie geologiche, smottamenti, erosione del vento e antichi flussi d'acqua

Sopra c’è un’illustrazione di una vista inclinata del sistema gigante della Valles Marineris Valley su Marte. I canyon erano formati da una combinazione di faglie geologiche, smottamenti, erosione del vento e antichi flussi d’acqua

Se visto in termini di altitudine, la montagna più alta delle Alpi, il Monte Bianco – che si eleva a più di 15.000 piedi sul livello del mare – sarebbe un nano se collocato all’interno del Tithonium Chasma.

A differenza del Grand Canyon americano, formatosi circa 5 milioni di anni fa dall’erosione del fiume Colorado, si ritiene che l’enorme canyon del Pianeta Rosso si sia formato a causa dell’erosione delle placche tettoniche.

Nella parte superiore del Tithonium Chasma, una macchia di sabbia scura, che potrebbe provenire da una vicina area vulcanica, crea un contrasto cromatico nell’immagine.

Accanto alle dune di sabbia scura si trovano due colline di colore chiaro, una delle quali è divisa a metà dalla cornice superiore.

Questa immagine scattata da Mars Express mostra una vista prospettica di Mesa nelle regioni a est di Valles Marineris, i canyon più grandi del Sistema Solare.

Questa immagine scattata da Mars Express mostra una vista prospettica di Mesa nelle regioni a est di Valles Marineris, i canyon più grandi del Sistema Solare.

La massiccia Valles Marineris del Pianeta Rosso, che copre circa un quarto della circonferenza del pianeta, è visibile sopra (al centro) in questa immagine del Gruppo Granger.

La massiccia Valles Marineris del Pianeta Rosso, che copre circa un quarto della circonferenza del pianeta, è visibile sopra (al centro) in questa immagine del Gruppo Granger.

Marte: le basi

Marte è il quarto pianeta lontano dal sole, con un mondo desertico freddo e polveroso che è quasi morto con un’atmosfera molto sottile.

Marte è anche un pianeta dinamico con stagioni, calotte polari, canyon e vulcani estinti, prova che in passato era più attivo.

È uno dei pianeti più esplorati del sistema solare e l’unico pianeta che gli umani hanno inviato i loro rover per esplorare.

Un giorno su Marte dura poco più di 24 ore e un anno è di 687 giorni terrestri.

fatti e cifre

orbitale: 687 giorni

superficie: 144,8 milioni di chilometri quadrati

distanza dal sole: 227,9 milioni di km

gravità: 3.721 m/s²

raggio: 3389,5 km

lune: Phobos, Deimos

Queste colline sono in realtà gigantesche, con un’altezza di oltre 9.800 piedi. Per prospettiva, il Monte Hesperus in Alaska, la vetta più alta delle montagne dell’Apocalisse, si eleva per 9.828 piedi.

Le superfici delle colline sono state fortemente erose dai forti venti marziani: una tipica velocità media del vento sul Pianeta Rosso è di 125 miglia orarie, con raffiche fino a 300-375 miglia orarie.

Tra le grandi colline è visibile una serie di piccoli affioramenti.

Secondo l’Agenzia spaziale europea, Mars Express ha precedentemente trovato minerali solfati contenenti acqua in quest’area.

L’agenzia spaziale afferma che ciò suggerisce che i rigonfiamenti si siano formati quando il fluido che una volta riempiva la spaccatura è evaporato, ma questo punto è stato dibattuto dagli scienziati.

Interviene l’ESA dichiarazione.

Questo indizio può essere visto anche nell’immagine della topografia qui sotto.

L’ESA spiega che “la frana è stata causata dal crollo della parete di destra della valle, ed è probabile che si sia verificata in tempi relativamente recenti perché non è stata gravemente erosa”.

READ  Parastronaut ha cercato quando l'Agenzia spaziale europea ha reclutato i suoi primi nuovi astronauti in più di un decennio

“Il terreno malvagio di Ius Chasma è altrettanto straordinario.

Quando le placche tettoniche si sono disintegrate, sembra aver causato la formazione di triangoli di roccia frastagliati che sembrano una fila di denti di squalo.

Nel tempo, le formazioni rocciose sono crollate ed erose.

Il Mars Express dell’Agenzia spaziale europea (ESA) è in orbita attorno al Pianeta Rosso dal 2003 per condurre un’ampia gamma di esperimenti scientifici, tra cui l’imaging della superficie di Marte, la mappatura dei suoi minerali, la determinazione della composizione e della circolazione dell’atmosfera e l’esplorazione sotto la sua crosta.

Era anche il Mars Perseverance Rover della NASA esplorazione Il Pianeta Rosso per circa un anno e mezzo. L’agenzia spaziale statunitense vuole inviare umani su Marte negli anni ’30 del 2000.

Il fondatore di SpaceX Elon Musk ha affermato da tempo che gli esseri umani devono colonizzare Marte e diventare una specie multiplanetaria per mantenere ed espandere la coscienza nell’universo.

Nella foto sopra: un'immagine topografica codificata a colori che mostra Ius e Tithonium Chasmata, che fanno parte della struttura del Valles Marineris Canyon di Marte, creata dai dati raccolti dal Mars Express dell'ESA.

Nella foto sopra: un’immagine topografica codificata a colori che mostra Ius e Tithonium Chasmata, che fanno parte della struttura del Valles Marineris Canyon di Marte, creata dai dati raccolti dal Mars Express dell’ESA.

Nell'immagine sopra, un'illustrazione al computer della Valles Marineris Valley sul pianeta rosso, la valle più grande del sistema solare

Nell’immagine sopra, un’illustrazione al computer della Valles Marineris Valley sul pianeta rosso, la valle più grande del sistema solare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.