La Turchia afferma che il vertice non è il termine ultimo per i colloqui sulle offerte di Finlandia e Svezia per la NATO

Sventolano bandiere fuori dal quartier generale della NATO prima di una riunione dei ministri della difesa della NATO, a Bruxelles, Belgio, il 21 ottobre 2021. REUTERS/Pascal Rossignol

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

ANKARA (Reuters) – Dopo i colloqui di lunedì a Bruxelles, la Turchia ha affermato che le discussioni tra Turchia, Finlandia e Svezia sull’adesione alla NATO sarebbero proseguite e che il vertice dell’Alleanza a Madrid la prossima settimana non era la scadenza.

Finlandia e Svezia hanno chiesto l’adesione alla NATO in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. Ma le offerte hanno incontrato l’opposizione della Turchia, che è stata irritata da quello che dice essere il sostegno di Helsinki e Stoccolma ai militanti curdi e un embargo sulle armi ad Ankara.

La Turchia ha affermato la scorsa settimana che i documenti ricevuti dalla Svezia e dalla NATO in risposta a precedenti richieste scritte rivolte ai candidati erano lontani dal soddisfare le sue aspettative e che qualsiasi negoziato deve prima affrontare le preoccupazioni turche. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il portavoce presidenziale turco Ibrahim Kalin ha detto ai giornalisti a Bruxelles insieme al vice ministro degli Esteri Sedat Unal che Ankara si aspetta che la Svezia adotti misure immediate riguardo alle misure del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) nel suo paese.

Ha affermato che qualsiasi progresso nelle domande di adesione del nord “ora dipende dalla direzione e dalla velocità con cui questi paesi prenderanno provvedimenti”.

Ha affermato che i colloqui a Bruxelles con funzionari di Svezia, Finlandia e NATO si sono svolti in un “atmosfera aperta e onesta”.

READ  Il killer norvegese Anders Breivik inizia la sua udienza sulla libertà vigilata con un saluto nazista

“Mentre vediamo questi passaggi, avremo tutti l’opportunità di valutare la direzione di questo processo”, ha affermato.

Onal ha affermato che la Turchia si aspetta un cambio di approccio da Svezia e Finlandia e che Ankara aveva bisogno di “promesse vincolanti” per affrontare le sue preoccupazioni.

“Non ci vediamo vincolati da alcun calendario. La velocità e la portata di questo processo dipendono dal modo in cui fanno questi paesi e dalla rapidità con cui le nostre aspettative vengono soddisfatte”, ha affermato.

Petri Hakarinen, consigliere per gli affari esteri e la sicurezza del presidente finlandese e capo della delegazione finlandese ai colloqui a Bruxelles, ha affermato che le due parti hanno compiuto “chiari progressi” su alcune questioni. Ma ha detto che ci vorrà del tempo per venire a patti con gli altri.

I leader della NATO si incontrano a Madrid il 29 e 30 giugno. Qualsiasi adesione alla NATO richiede l’approvazione di tutti i 30 membri dell’alleanza. La Turchia è un alleato della NATO da oltre 70 anni e ha il secondo esercito più grande dell’alleanza.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto) Presentato da Tovan Gumrukcu e Ali Kokokokmen; Segnalazione aggiuntiva di Anne Kuranen a Helsinki. Montaggio di Alex Richardson e Angus McSwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.