La Thailandia consente ai visitatori di tornare sulla spiaggia famosa per il film

PHI PHI LEH, Thailandia, 4 gennaio (Reuters) – La Thailandia ha riaperto Maya Bay, una spiaggia di sabbia bianca resa famosa dal film del 2000 “The Beach” con Leonardo DiCaprio, a più di tre anni dalla chiusura per consentire al suo ecosistema di riprendersi dall’impatto di migliaia di visitatori ogni giorno.

La spiaggia, circondata da scogliere alte 100 metri (328 piedi), si trova sull’isola di Phi Phi Leh nel Mare delle Andamane ed è accessibile solo in barca da località vicine come le isole di Phuket, Phi Phi o terraferma Krabi.

Le autorità hanno chiuso al pubblico l’intera Maya Bay nel 2018, affermando che le barriere coralline e le spiagge sono state danneggiate a causa delle attività turistiche in corso. Ma dall’inizio di quest’anno, alcuni visitatori sono stati autorizzati a tornare.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

“Gli squali sono tornati, le barriere coralline stanno crescendo di nuovo e l’acqua è di nuovo limpida”, ha detto a Reuters Yuthasak Supasorn, governatore dell’Autorità per il turismo della Thailandia.

“Queste cose mostrano che la natura guarirà se le diamo tempo, e dobbiamo lavorare anche per mantenerla così”.

Per garantire una protezione continua, le autorità hanno affermato che solo un massimo di 375 visitatori sarebbero stati autorizzati a visitare contemporaneamente e il nuoto sarebbe stato vietato per il momento. Hanno detto che alle barche sarebbe stato permesso di ancorare solo in un luogo designato nella parte posteriore della baia per evitare di danneggiare la barriera corallina.

Prima della pandemia di coronavirus, il turismo rappresentava circa il 12% dell’economia thailandese ed era un importante motore di crescita, con il paese che ha attirato 40 milioni di visitatori nel 2019.

READ  Gli archeologi hanno scoperto i resti dei Neanderthal nelle grotte vicino a Roma

Ma il turismo di massa è spesso a scapito dell’ambiente in Thailandia e in altre parti del sud-est asiatico, dove le spiagge tropicali un tempo bellissime stanno diventando inquinate e disseminate di spazzatura.

“Maya Bay è bellissima, è un posto fantastico”, ha detto Manuel Panin, un turista italiano di 40 anni che stava visitando la spiaggia.

“Penso che sia una buona cosa che sia stato chiuso tutto questo tempo per proteggere la natura e consentirle di riprendersi e riprendersi”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Jorge Silva a Krabi e Patpecha Tanakasimbipat a Bangkok; Montaggio di Ed Davies e Raisa Kasulowsky

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.