La Spagna afferma che si unirà al caso del genocidio del Sudafrica contro Israele davanti alla Corte internazionale di giustizia | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Il caso accusa Israele di aver violato i suoi obblighi ai sensi della Convenzione sul genocidio nella sua guerra a Gaza.

La Spagna ha detto che si unirà al caso portato dal Sudafrica davanti alla Corte internazionale di giustizia, che accusa Israele di aver violato i suoi obblighi ai sensi della Convenzione sul genocidio nella sua guerra contro la Striscia di Gaza.

“Abbiamo preso questa decisione alla luce della continuazione dell'operazione militare a Gaza”, ha detto giovedì il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Albarez.

“Notiamo anche con grande preoccupazione l'espansione regionale del conflitto”, ha detto in una conferenza stampa.

Albarez ha affermato che la Spagna ha preso la decisione non solo per “permettere il ritorno della pace a Gaza e nel Medio Oriente”, ma anche per il suo impegno nei confronti del diritto internazionale.

Parigi ha dichiarato una settimana dopo che la Spagna, insieme a Irlanda e Norvegia, ha riconosciuto lo Stato di Palestina: “Il nostro unico obiettivo è porre fine alla guerra e andare avanti sulla strada dell’attuazione della soluzione a due Stati”.

La mossa dei tre paesi ha fatto arrabbiare Israele, che lo ha accusato di “premiare il terrorismo” e ha ritirato i suoi ambasciatori.


Il Sudafrica ha intentato una causa contro Israele a gennaio, accusandolo di aver commesso un genocidio contro i palestinesi a Gaza. Il bilancio delle vittime della guerra israeliana a Gaza, iniziata in ottobre, ha superato quota 36.500, secondo i funzionari sanitari dell’enclave assediata e bombardata.

Israele ha lanciato l'attacco dopo che il movimento palestinese Hamas ha condotto un attacco nel sud di Israele da Gaza, uccidendo circa 1.140 persone, secondo un conteggio di Al Jazeera basato su statistiche israeliane.

READ  Avvertenze per la salute mentre la Death Valley si riscalda a 54,4°C | Meteo negli Stati Uniti

Probabilmente ci vorranno anni prima che la Corte internazionale di giustizia emetta la sua sentenza nel merito del caso di genocidio. Sebbene le sue sentenze siano vincolanti e non soggette ad appello, la Corte Suprema delle Nazioni Unite non ha modo di applicarle.

Israele ha ripetutamente affermato che a Gaza agisce in conformità con il diritto internazionale. Ha descritto il caso del genocidio come infondato e ha accusato il Sud Africa di agire come “il braccio legale di Hamas”.

La Spagna si unirà ora a diversi paesi, tra cui Colombia, Egitto e Turchia, nel presentare una richiesta formale per unirsi alla causa contro Israele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *