La sonda lunare cinese Chang’e 5 ha scoperto la prima prova in situ di acqua sulla Luna

Il lander lunare cinese Chang’e 5 ha scoperto la prima prova in situ di acqua sulla superficie lunare, fornendo nuove prove che il satellite si sta prosciugando.

Lo studio, pubblicato sabato sulla rivista Science Advances, ha rivelato che il suolo lunare nel sito di atterraggio conteneva meno di 120 parti per milione (parti per milione) di acqua o 120 grammi di acqua per tonnellata, e che la roccia vescicolare leggera conteneva 180 parti. parti per milione, che sono più asciutte di quelle sulla Terra.

La presenza di acqua è stata confermata dal monitoraggio remoto, ma la sonda ha ora rilevato segni di acqua nelle rocce e nel suolo.

Uno strumento a bordo del modulo lunare ha misurato la riflettanza spettrale di regolite e rocce e ha rilevato per la prima volta l’acqua istantaneamente.

L’agenzia di stampa statale Xinhua, citando i ricercatori dell’Accademia cinese delle scienze (CAS), ha riferito che il contenuto di acqua può essere stimato perché l’acqua o la molecola di idrossile viene adsorbita con una frequenza di circa tre micrometri.

I ricercatori hanno affermato che è stato il vento solare a fornire la maggior parte dell’umidità del suolo lunare perché ha portato l’idrogeno che costituisce l’acqua.

Secondo i ricercatori, le 60 parti in più per milione di acqua nelle rocce potrebbero provenire dall’interno della luna.

Pertanto, si stima che le rocce scendano da un’unità di basalto più antica e più umida prima di essere espulse nel sito di atterraggio per essere raccolte dal lander lunare.

Lo studio ha rivelato che la luna era diventata più secca durante un certo periodo, probabilmente a causa dello svuotamento del serbatoio del mantello.

READ  La Terra gira più velocemente di quanto dovrebbe e nessuno sa perché

La navicella spaziale Chang’e-5 è atterrata su uno dei più piccoli basalti situati a media latitudine sulla superficie lunare. Ha immediatamente misurato l’acqua e ha recuperato campioni del peso di 1.731 grammi.

“I campioni restituiti sono una miscela di grani sopra e sotto la superficie. Ma la sonda in loco può misurare lo strato più esterno della superficie lunare”, Lin Hongli, ricercatore dell’Istituto di geologia e geofisica dell’Accademia cinese delle scienze , ha detto a Xinhua. .

Lin ha anche affermato che simulare le condizioni originali della superficie lunare sulla Terra è una sfida, il che rende assolutamente essenziale la misurazione in situ.

I risultati sono coerenti con l’analisi iniziale dei campioni Chang’e-5 restituiti, secondo lo studio.

I risultati forniscono ulteriori indizi sulle missioni Chang’e-6 e Chang’e-7 in Cina. Il rapporto afferma che le indagini relative alle riserve idriche sulla superficie lunare fanno luce sulla costruzione di stazioni con equipaggio sulla superficie lunare nei prossimi decenni.

Guarda gli ultimi video da DH:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.