La siccità nel nord Italia continua a peggiorare

La siccità nel nord Italia continua a peggiorare, aggravando il problema della carenza idrica che affligge i centri abitati e l’agricoltura della regione.

In molte parti della Valle di Bo non piove da più di 110 giorni e, dopo un inverno molto secco, le riserve idriche di montagna si prosciugano rapidamente, portando all’assenza di neve.

Stiamo vivendo una grave siccità. A questo punto servono chiarezza e un’azione concertata.– Alberto Privo, Presidente, Goldiretti Bergamo

La combinazione di fattori ha fatto scendere i livelli dell’acqua del fiume principale a livelli storicamente bassi. I funzionari locali stimano che il fiume Po si sia ritirato a livelli mai visti negli ultimi 70 anni, il che ha avuto un impatto enorme sull’agricoltura locale.

Questo fiume è la spina dorsale delle aree agricole settentrionali d’Italia ed è considerato il più importante per la produzione alimentare di base in tutto il Paese.

Guarda anche:Il Consiglio di sicurezza dell’Onu chiede la fine immediata della siccità in Iraq

Quando il livello dell’acqua dolce nel fiume Bo si ritira, più acqua salata del Mare Adriatico entra nel fiume, influenzando negativamente la flora e la fauna autoctone che dipendono dal fiume. Eventi simili si verificano in altri fiumi della regione.

Grandi aree stanno affrontando una grave carenza d’acqua poiché molti corpi idrici e pozzi si sono prosciugati. Alcuni residenti in Piemonte e Lombardia incontreranno presto restrizioni notturne sull’uso dell’acqua consigliato dall’uso locale.

Dozzine di altri luoghi vengono riforniti di acqua da altre parti e nella regione Emilia-Romagna di Ferrara le autorità invitano 250.000 persone a utilizzare meno acqua possibile.

L’attuale siccità e le alte temperature, che sono aumentate da diversi giorni, dovrebbero aumentare ulteriormente nelle prossime settimane.

READ  12.756 nuovi casi e 499 morti - Corriere.it

La situazione sta peggiorando per la mancanza di scarse precipitazioni e bisogna aggiungere altri due fattori”, ha affermato Meuccio Berselli, segretario generale dell’Autorità idrica padana. 2ºC o 3ºC in più rispetto alla media e 4ºC in più in alcune zone. Succede durante la stagione senza neve.

Con l’eccezione del Lago Carta, i suoi livelli sono ancora considerati adeguati, con tutti gli altri laghi della regione con livelli d’acqua che precipitano a livelli storicamente bassi, il che ha portato le autorità a controllare la quantità di acqua disponibile per l’irrigazione. Tuttavia, i sindacati degli agricoltori hanno protestato.

Molti agricoltori si aspettano che la resa di quest’anno diminuisca a causa dell’approvvigionamento idrico. L’associazione degli agricoltori Goldiretti Bergamo ha avvertito che le rese di orzo, grano, foraggi e mais diminuiranno drasticamente. L’associazione ha scritto che con l’aumento della temperatura, la situazione diventerà più difficile.

Secondo Goldretty, il 2022 riceverà la metà delle precipitazioni medie degli ultimi anni. Goldreti ha chiesto l’intervento delle autorità di bacini idrici e lacustri per far fronte all’aumento delle temperature e al fabbisogno idrico agricolo.

Questo momento è complesso e difficile su più fronti, ma bisogna agire subito e mettere in pratica tutto il possibile”, ha affermato Alberto Privio, presidente di Goldiretti Bergamo. Stiamo vivendo una grave siccità. A questo punto servono chiarezza e un’azione concertata.

Secondo Goldretty, i raccolti di orzo sono già diminuiti del 30 percento e molte più colture vengono compromesse poiché gli agricoltori lottano per ottenere abbastanza acqua per l’irrigazione.

L’acqua non è garantita se non disponibile [locally-pro­duced] Cibo per i nostri cittadini”, ha detto Privo.

Goldiretti stima che la siccità abbia già causato 1 miliardo di danni all’intero Paese a causa dei bassi rendimenti. Inoltre, la metà del bestiame e più del 30 per cento della produzione alimentare italiana sono a rischio, avverte Goldreti.

READ  Italia puntelli per irlandese


Serie di video sui tempi dell’olio d’oliva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.