La settimana della moda maschile araba inizia con design innovativi

RIYADH: Uno sceneggiatore italiano ha descritto l’Arabia Saudita come dotata di “cultura e tradizioni straordinarie” dopo aver deliziato i fan del cinema con la sua prima nel regno.

Ma il 25enne Giacomo Mazariol ha detto di essere preoccupato per la reazione della gente al suo film My Brother Chasing Dinosaurs.

“Mentre ti siedi e guardi il tuo film da un altro paese, la tua mente è piena di paure e dubbi”, ha detto ad Arab News.

Il mio film sarà ben accolto? Tutto ha un senso? Poi mi sono rilassato perché mi sono reso conto che le persone che hanno visto il film erano davvero soddisfatte e hanno avuto una reazione così calorosa. Hanno sentito che fosse un film onesto, pieno di vere emozioni”.

Il film, diretto dal connazionale Stefano Cibani, è stato proiettato il 17 giugno nell’ambito dell’inaugurale European Film Festival, che ha visto 14 film europei proiettati all’Esplanade VOX Cinemas di Riyadh.

Mazariol ha detto che il pubblico era affascinato dal film e gli ha fatto molte domande dopo la proiezione.

“La gente ha riso molto perché il film è pieno di leggerezza e umorismo, ma lo hanno anche preso molto sul serio e sono riusciti a superare le parti drammatiche e toccanti.

“La storia parla della realizzazione emotiva del mio personaggio (Jiu), che va dal non capire il mondo interiore di Jiu all’accettare e comprendere pienamente la sua diversità. Il viaggio passa attraverso rabbia, vergogna, sorpresa, coraggio, fratellanza e solitudine, a partire da Dalla nascita di Jiu fino a quando non cresce e diventa un adolescente.

Mentre in Arabia Saudita, Mazariol e una delegazione dell’UE avrebbero dovuto tenere anche un seminario per talenti locali in collaborazione con il gruppo Arabia Pictures con sede a Khobar, ma l’evento ha dovuto essere posticipato.

READ  Gli studenti MCC prendono parte alle riprese del film sulla seconda guerra mondiale | Notizie, sport, lavoro

Ha detto: “Il Regno ha una cultura e tradizioni straordinarie che dovrebbero essere ulteriormente trasmesse alle persone di tutto il mondo, non solo attraverso il turismo ma anche attraverso la condivisione di storie locali, attraverso l’arte basata sulla vita e le prospettive del presente”.

“Arabia Pictures ha suggerito di tenerlo (il workshop) per me durante questa edizione del festival, ma questa volta non ci siamo riusciti. Ecco perché dovrei tornare nel Regno, durante la prossima edizione del festival. “

Mazariol ha detto che al suo ritorno spera di essere in grado di fare da mentore ai giovani sauditi interessati al cinema e alla sceneggiatura.

“Penso che la seconda edizione sarà a fine inverno o all’inizio della primavera. Il tema principale sarà il rapporto tra libri e film basato sulla mia esperienza nella creazione di una sceneggiatura cinematografica basata sul mio romanzo”.

Ha detto che spera di insegnare agli studenti sauditi come analizzare e confrontare la scrittura e gli artisti cinematografici.

Ciò può essere ottenuto guardando scene di film basati su libri e confrontandole con scene di un libro: le opere di Kafka adattate, le opere di Dostoevskij adattate, ecc.

Alcuni libri, come “Ulysses” di James Joyce, o il lavoro di Proust, sono quasi impossibili da ritrarre. Non solo per il numero di pagine, ma perché raggiunge un culmine specifico letterario.

Mazariol ha detto di aver sempre avuto una passione per la scrittura e di amare le lezioni di letteratura a scuola.

“Quando ero al liceo, con tutta l’immaginazione e le idee che un adolescente potrebbe avere, ho iniziato a scrivere per me stesso e ho cercato di pubblicare alcuni articoli”.

READ  Timothée Chalamet alza la bandiera della moda sostenibile alla Mostra del Cinema di Venezia

La sua carriera di sceneggiatore è iniziata quando ha pubblicato un cortometraggio con suo fratello Jiu su YouTube.

“Mio fratello (Geo) aveva la sindrome di Down nel film. È diventato virale e la persona che sarebbe diventata un futuro editore mi ha chiamato per fare un libro sul video e sulla mia storia”.

Parlando dei due giorni trascorsi nel regno durante il festival del cinema, Mazariol ha detto: “Quello che mi ha colpito di più sono gli edifici moderni, i grattacieli e le aree di intrattenimento, perché sembrano futuristici.

Era la prima volta che visitavo l’Arabia Saudita. Amo viaggiare e scoprire nuovi paesi e, grazie agli organizzatori del festival e all’ambasciata italiana, posso comunicare con i sauditi che conoscono molto bene l’Arabia Saudita.

“Nei suk della città vecchia, mi sembrava di essere alle porte di un altro mondo, perché ci sono ottimi prodotti provenienti da tutto il Medio Oriente e dall’Asia”.

Lo scrittore ha detto di aver trascorso un po’ di tempo a studiare presso la King Fahd National Library prima di esplorare alcuni dei paesaggi desertici che il regno ha da offrire.

“Ho adorato il vento caldo e la sabbia a perdita d’occhio. È stato molto stimolante perché ho sempre letto i libri di questo copione, ad esempio “Le mille e una notte”, ma non l’ho mai provato.

“La generosità dell’European Film Festival è stata di altissimo livello e beh, li ringrazio molto. Spero che il festival avrà molto successo anche nelle prossime edizioni. So per certo che sarà sempre più grande”. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.