La seconda stagione di Tour de France Unchained di Netflix offre un dramma da batticuore

A pochi giorni dalla partenza del Tour de France 2024 a Firenze, in Italia, Netflix ha rilasciato la seconda stagione di Giro di Francia senza restrizioniCome avrai sentito, il film è pieno di incidenti, urla e drammi. Ma ci sono anche alcuni momenti e scene più teneri che mostrano quanto sia vulnerabile questo sport.

Abbiamo apprezzato il fatto che questa stagione non fosse necessariamente cronologica ma si concentrasse invece su uno o due attori chiave in ogni episodio. Anche a noi è piaciuto molto Orla Shinawi– Fa un ottimo lavoro di narrazione e spiegazione. E per coloro che dicono che questo era un documentario su Ben O'Connor, noi diciamo che era il collante necessario per tenere insieme diversi fili.

Episodio 1: “Nessun rischio, nessuna ricompensa”

Ricordiamo subito l'incidente di Tadhge Pogacar nella corsa Liegi-Bastogne-Liegi del 2023, dove si fratturò il polso. Ricordiamo il dramma tra Julian Alaphilippe e il boss della Soudal Quick Step Patrick Lefebvre. Ricordiamo anche quanto Thibaut Pinault desiderasse che la sua ultima stagione da professionista fosse un successo.

Ma più di ogni altra cosa, in questo episodio di apertura, ricordiamo Gino Meader. Il 26enne corridore dello Swiss Victorious Team Bahrain è morto un giorno dopo essere stato coinvolto in un terribile incidente mentre scendeva dalla montagna nella quinta tappa del Tour de Switzerland. La morte di Meader non è stata tragica perché nessuno si rendeva conto di quanto fossero pericolose le gare del World Tour. Piuttosto il contrario. La morte di Meader ha confermato a tutti i concorrenti che il suo lavoro potrebbe costargli la vita.

In questo episodio di apertura vediamo il briefing sulla sicurezza due settimane prima del Tour de France. “Abbiamo deciso che per le prossime tre settimane la maglia numero 61 verrà regalata a Gino Mader, il cui desiderio era correre qui”, spiega il direttore.

E quella che segue è la reazione di diversi top rider, tra cui Ben O'Connor, che dice: “Penso che abbia risvegliato un po' di fragilità in tutti”.

In questa puntata vengono evidenziati anche gli eventi più importanti delle prime due tappe del tour. E, naturalmente, c'è un momento per rompere l'atmosfera solenne quando Adam Yates e Simon Yates si affrontano nella fase di apertura. Cosa potrebbe esserci di meglio che combattere contro tuo fratello per vincere?

Episodio Due: “Il Terzo Uomo”

Ah, altri numeri di Ben O'Connor e marroni Decathlon – AG2R La Mondiale. Sono cinque mesi che seguiamo l'allenamento dell'australiano in vista del Critérium du Dauphiné. Per la prima volta ha avuto un periodo di preparazione tranquillo per la gara del Tour e ha acquisito un po' di fiducia.

READ  Agenzia stampa degli Emirati - Il MOTN Festival attira 200.000 visitatori nella capitale per le festività natalizie

Sentiamo anche il collega australiano Jay Hendley (Bora-Hansgrohe), che sta gareggiando al suo primo Tour of France dopo aver vinto il Giro.

L'episodio segue la quinta fase, in cui O'Connor non aveva la capacità di correre, ma Hindley ha attaccato. Da lì, Wengard inseguiva da dietro. Hindley dovette scavare più a fondo che poteva. Per questo motivo ha ricevuto la maglia gialla dopo aver vinto la tappa.

Poi raggiungiamo la sesta tappa e il Col du Tourmalet. Dove Wengard e Pogacar brillano, Pogacar vince al vertice, ma Wengard conquista la classifica generale.

Episodio tre: “Nessuna pietà”

Anello corridore veloce. Ho intravisto per la prima volta Jasper Philipsen (Alpecin–Deceuninck), determinato a liberarsi del soprannome che gli è stato dato l'anno scorso, “Jasper Disaster”. È chiaro che Philipsen è maturato ed è in missione per vincere più di una volta. Ma questa tappa ha anche mostrato la tattica discutibile di Philipsen, quando ha quasi spinto Wout van Aert (Visma-Lease a Bike) contro il muro nello sprint della terza tappa.

Questo episodio vede anche la prima apparizione di Mark Cavendish (da Astana, Kazakistan). Kav è il veterano esperto che Philipsen considera il suo principale rivale e che sta partecipando al Tour nel tentativo di assicurarsi la sua 35esima vittoria di tappa. “Questo è il mio ultimo Tour of France”, dice Cave. “Ho 38 anni, sono vecchio per le gare di breve distanza. Non posso essere migliore di me adesso”.

Poi arriva il momento in cui Kaff prefigura gli eventi quando si siede con sua moglie Peta Todd e la loro figlia piccola e dice: “Considerando che ho partecipato a 14 Giri di Francia, in realtà non ho avuto molti incidenti”. Todd risponde: “Perché lo dici ad alta voce una settimana prima del tour? Stai indietro!”

Ciò è, ovviamente, dovuto a un incidente sufficiente nell'ottava tappa che ha concluso il Tour.

Diamo uno sguardo anche a Fabio Jacobsen (allora della Soudal Quick Step), e siamo costretti ancora una volta a commemorare il suo terribile incidente durante il Giro di Polonia del 2020, quando si schiantò contro una barriera, lasciandolo in coma e fratturandogli il cranio.

Episodio 4: “Per Jeno”

È impossibile asciugarsi gli occhi dall'orrore di questo episodio. Bello Bilbao afferma che dopo la morte di Mader, il Bahrain Victorious ha deciso che ora avevano un vero motivo per fare qualcosa durante il Tour.

READ  Recensione: Fuochi d'artificio - Cineuropa

La nona tappa di Puy de Dome è avvenuta appena tre settimane dopo la sconfitta di Mader. Sebbene Mati Muhuri non sia uno scalatore tradizionale, ha voluto fare del suo meglio per il suo compagno di squadra, che era un eccellente scalatore. Anche se non ha vinto, ha detto che non sarebbe mai riuscito a raggiungere un livello così buono in circostanze normali.

Poi otteniamo la bellissima vittoria di tappa per Bilbao, e Mohoric spiega quanto sono vicine Bilbao e Maeder.

Episodio cinque: “Il nemico interiore”

Uno sguardo più da vicino all'interno dell'INEOS-Grenadiers Tom Pidcock“Tom ha difficoltà ad affrontare le strategie e le dinamiche del team. Si possono usare molti aggettivi per descrivere Tom”, ha detto il compagno di squadra Carlos Rodriguez. Ovviamente, la gestione dell'ego fa parte del lavoro.

Vediamo anche il momento in cui Pogacar ha attaccato Wengard nella quattordicesima tappa ma è stato bloccato dalle moto. Poi il momento quasi divertente in cui Rodriguez li ha superati entrambi per salire sul palco mentre stavano lavorando allo sceneggiato, spingendolo al terzo posto assoluto.

Pogacar e Vengegard sono generalmente su un livello diverso rispetto a tutti gli altri, ma questa fase ha dimostrato che non sono imbattibili.

Episodio 6: “Dominazione”

Corsa alla verità. Corsa individuale contro il tempo. Non c'è una cronometro individuale ad ogni round, ma quella tenutasi l'anno scorso, arrivata nella terza settimana dopo enormi quantità di salite, è stata memorabile. L'ultima parte della gara è stata così rumorosa che alcuni hanno discusso di cambiare bici. Pogacar ha esplorato la pista su entrambe le moto e ha ritenuto che valesse la pena cambiarla a metà tappa.

Pogacar ha fatto segnare il miglior tempo della giornata davanti a Weingard, che ha ritenuto che il cambio moto non valesse la pena. La corsa di Vingard è stata così veloce che la gente ha immediatamente introdotto nella conversazione degli steroidi – o un motore. Qualcosa. Era letteralmente incredibile. Un minuto e 38 secondi prima di Pogacar, i giornali pubblicarono gli stessi titoli che usarono per Lance Armstrong, dicendo: “Da un altro mondo”, che non fece altro che perpetuare le voci.

Questo episodio ci regala anche la famosa scalata del Col de la Luz, dove Pogacar dice: “Me ne sono andato. Sono morto”. È la stessa famigerata salita che ha fatto fermare le moto impedendo a Vingegaard e ad altri di passare.

READ  Classifica ogni film di Martin Scorsese per decidere il migliore una volta per tutte

Infine, Ben O'Connor è molto felice per il suo compagno di squadra Felix Gall. è il migliore.

Episodio sette: “Missione suicida”

Il team Soudal-QuickStep deve affrontarne le conseguenze. Fabio Jacobsen sta facendo le valigie dopo non essersi ripreso dall'incidente subito nella quarta tappa, e ogni speranza è riposta nelle spalle di Julian Alaphilippe. E con Alaphilippe i successi arrivano sempre. dramma Con il direttore sportivo Patrick Lefebvre.

Ma è stato Casper Asgren a dare speranza alla squadra nella diciottesima tappa, quando è riuscito a sorpassare il resto dei corridori con uno scatto incredibile per vincere la tappa.

Poi è arrivata la tappa diciannove, dove Matej Mohoric ha ottenuto la gloriosa e inaspettata vittoria alla fine della gara, seguita da quella che forse è la migliore intervista post-gara di sempre. Mohoric ha parlato della dura natura di far parte del gruppo dei professionisti e di come ogni corridore meriti di vincere una tappa. Quando pensiamo al Tour 2023 è impossibile non pensare a questa intervista.

Episodio 8: “L'ultimo ballo”

Il tour sta per finire. Le squadre iniziano a incolpare i rivali e a criticare le loro tattiche. Ma quello che conta di più è la prestazione dei piloti in sella alle moto.

Thibaut Pinot si avvicina a una folla adorante durante la sua ultima tappa di montagna, ed è sempre bello vedere l'accoglienza di un eroe. Lui e Pogacar volevano vincere l'ultima tappa di montagna del Wengard semplicemente per esprimere l'opinione che se ne sarebbero andati. Pino non poteva, ma Pogacar sì.

Finalmente raggiungiamo gli Champs-Élysées. Come tutto in questo tour, il tour non è stato privo di drammi. Philipsen ha fatto una grande prestazione, ma è stato Jordi Meeus (Bora-Hansgrohe) a prendere l'ultima linea.

Quest'anno la finale di Parigi non si disputerà a causa delle Olimpiadi, quindi bisognerà vedere come andrà il campionato non ufficiale podisti di Nizza.

Concludiamo la nostra conversazione con Cavendish dicendo: “Naturalmente, se scrivessi tu la canzone, non vorresti che finisse così. E alla fine, non voglio condividere la canzone con altre persone. Quindi ho speso molto di tempo pensando: 'Oh mio Dio, posso andare avanti per un anno?'” Un altro?” E sì, facciamolo.”

Micah Laing è uno scrittore freelance che vive nelle montagne del Colorado. Divide il suo tempo libero tra mountain bike e corsa fuoristrada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *