La scarsa accoglienza di Cyberpunk 2077 “ha cambiato me e noi come studio”, afferma lo sviluppatore CDPR

Il successo del DLC Phantom Liberty di Cyberpunk 2077 è stato possibile solo a causa della “accoglienza negativa” del gioco base.

Questo secondo il senior quest designer Paweł Sasko, il quale ha ammesso che se l'uscita del gioco originale nel 2020 non fosse stata “così negativa com'era”, “non è possibile” che l'espansione Phantom Liberty avrebbe funzionato “molto meglio in termini di lancio.”

NEWSLETTER: Con la morte di Keystone, Xbox sta abbandonando definitivamente i suoi piani per la console di streaming?Guarda su YouTube

“Phantom Liberty ha avuto un tale successo al momento del lancio perché abbiamo cambiato completamente lo stile di produzione, cosa che non sarebbe stata possibile se l'accoglienza iniziale del gioco non fosse stata così negativa”, ha detto Sasko. Giocatore Alla Gamescom America Latina.

“Ha cambiato me e noi come studio.”

A tre anni e mezzo dal suo disastroso debutto nel dicembre 2020, dopo decine di aggiornamenti e il lancio dell'espansione Phantom Liberty lo scorso anno, CD Projekt Red non ha più nessuno che lavori su Cyberpunk 2077.

Come Tom ci ha riassunto all'epoca, solo 17 persone stavano lavorando al gioco al 29 febbraio di quest'anno. Entro il 30 aprile quel numero era sceso a zero.

È un momento piccolo ma significativo per CD Projekt in quanto si lascia finalmente Cyberpunk 2077 alle spalle, poiché la maggior parte del suo sviluppo potrebbe ora concentrarsi sul prossimo gioco della serie The Witcher, ancora con nome in codice Polaris.

READ  Atomic Heart: Annunciata la data di uscita del DLC Annihilation Instinct, svelato il nuovo trailer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *