La Russia perde 40 ufficiali di alto rango in Ucraina

S

Si dice che gli Stati Uniti abbiano perso il loro 40esimo ufficiale di alto rango quando l’invasione dell’Ucraina ha raggiunto il suo cinquantesimo giorno.

Il tenente colonnello Denis Mezhov, comandante del 1 ° reggimento delle guardie del fucile rosso di Sebastopoli, è stato ucciso nella battaglia, secondo quanto riferito sia dalla Russia che dall’Ucraina.

I dettagli non sono stati forniti e non c’era alcuna conferma ufficiale russa dell’affermazione ucraina, ma il poeta patriottico russo Andrei Kovalev ha chiesto a Mezhov di assegnare postumo alla Russia la più alta onorificenza.

“Per quello che ha fatto, si è meritato il titolo di Eroe della Russia”, ha scritto.

Un altro resoconto della sua morte diceva sui siti di social network VK: “Suo figlio può essere orgoglioso di suo padre”.

L’Ucraina afferma che la Russia ha ora perso un totale di sette generali e 33 colonnelli a causa della guerra.

L’entità del bilancio delle vittime in aumento sfida l’affermazione di Vladimir Putin secondo cui la sua “operazione militare speciale” sta andando secondo i piani.

Si ritiene che il totale delle perdite russe, dall’inizio della guerra il 24 febbraio, sia di circa 20mila, ma Mosca ha rifiutato di fornire cifre esatte.

Il giorno prima, è stato riferito che la resa delle forze ucraine a Mariupol aveva portato i soldati russi al corpo di un generale russo ucciso.

I russi hanno recuperato il corpo del maggiore generale Oleg Mityaev, 47 anni, comandante della 150a divisione di fucili a motore dell’esercito, secondo le fonti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.