La Russia lascia 10.000 soldati bloccati in ritiro tattico in Occidente

Ieri, funzionari ucraini hanno annunciato che la Russia ha iniziato a ritirare le sue forze attraverso un fiume importante per sfuggire a un contrattacco ucraino.

Vitaly Kim, governatore della regione di Mykolaiv, ha affermato l’intera leadership russa Si stava ritirando dalla Cisgiordania Dal fiume Dnipro che scorre attraverso la città occupata di Kherson nel sud-est.

Se confermato, taglierebbe circa 20.000 o più soldati russi dai loro comandanti e taglierebbe le linee di rifornimento dal fiume largo mezzo miglio, i cui ponti principali nella regione di Kherson sono stati danneggiati dagli attacchi ucraini.

Kim ha detto in un messaggio pubblicato sull’app di social network Telegram, usando il termine che preferisce insultare la lingua russa: soldati.

“Tutti i leader si stanno spostando dall’altra parte”.

All’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin, le forze russe si spostarono a nord dalla Crimea annessa e si impadronirono rapidamente del territorio per connettersi con le enclavi separatiste nell’Ucraina orientale. Avanzarono anche verso ovest, sperando di collegarsi con i separatisti filo-russi in Moldova e creare un ponte di terra che separerebbe completamente l’Ucraina dal Mar Nero.

Mentre le forze russe catturavano Kherson, l’unica capitale regionale ad essere conquistata, la loro avanzata si fermò a est di Mykolaiv, lasciando una piccola sacca di territorio controllato dalla Russia racchiusa tra le linee del fronte, l’ampio fiume Dnipro a est e il Mar Nero a est. Sud.

da allora Forze ucraine Ha ripetutamente preso di mira i ponti attraverso i quali devono passare quasi tutti i rifornimenti russi.

READ  La Cina lancia un equipaggio di astronauti in missione di sei mesi sulla stazione spaziale | notizie spaziali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.