La Russia ha espulso decine di diplomatici europei; Italia e Francia hanno condannato la rappresaglia di Mosca

La Russia ha espulso dozzine di ambasciatori europei il 18 maggio come rappresaglia per la rappresaglia del Cremlino dopo che i paesi occidentali hanno espulso centinaia di diplomatici russi in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. La Russia ha espulso 24 ambasciatori italiani il 18 maggio in risposta all’espulsione da parte dell’Italia di funzionari russi ad aprile, secondo le agenzie di stampa statali TASS e RIA Novosti.

Il ministero degli Esteri russo ha anche annunciato il licenziamento di 34 ambasciatori francesi e 27 ambasciatori spagnoli, citando la decisione di Francia e Spagna di espellere gli ambasciatori russi il mese scorso. I funzionari spagnoli avranno una settimana per lasciare la Russia e i diplomatici francesi due settimane.

Il 18 maggio, il primo ministro italiano Mario Draghi ha detto ai giornalisti che l’espulsione dei diplomatici italiani dalla Russia è stato “un atto di ostilità”. “Questo non dovrebbe portare a una completa interruzione dei canali diplomatici, perché se avremo successo in questi modi, la pace sarà raggiunta. Questo è esattamente ciò che vogliamo”, ha aggiunto.

Capitalizzazione della Russia

Inoltre, il mese scorso la Russia ha espulso dozzine di altri funzionari europei, inclusi ambasciatori dell’Unione Europea, Germania, Belgio e Paesi Bassi. Sfratti a seguito di ondate di licenziamento di funzionari russi dai paesi occidentali. Almeno 394 funzionari russi sono stati espulsi dalle missioni diplomatiche in tutto il mondo da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, secondo gli analisti di politica estera.

I paesi europei che hanno espulso più di 300 russi dall’invasione del 24 febbraio includono Italia, Francia e Spagna. Hanno accusato gli ambasciatori russi di spionaggio in diversi casi, cosa che Mosca ha negato. Il mese scorso, la Russia ha mandato a casa 45 lavoratori polacchi e 40 tedeschi come parte delle sue misure di ritorsione. Tight for Dot ha annunciato mosse contro Finlandia, Romania, Danimarca, Svezia, Norvegia e Giappone.

READ  Atletica leggera dell'Oregon State University

La Francia ha condannato l’azione della Russia, dicendo che si trattava di una rappresaglia ingiusta

La Francia ha condannato l’azione della Russia, affermando che “dozzine di agenti russi che operano sotto status diplomatico nel nostro territorio e che agiscono contro i nostri interessi di sicurezza” sono state una risposta irragionevole alla sua stessa decisione di aprile.

Secondo i funzionari occidentali, molti di quelli licenziati erano coinvolti nello spionaggio russo. Inoltre, secondo il Guardian, Cipro, Malta e Ungheria sono gli unici paesi dell’UE che da febbraio non hanno espulso ambasciatori russi dal loro territorio.

(Con voci di agenzia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *