La Russia espande la zona di evacuazione nella regione di Kherson, in Ucraina

1 nov (Reuters) – Funzionari insediati dalla Russia nella regione ucraina di Kherson hanno dichiarato lunedì che avrebbero iniziato a evacuare i cittadini dalla sponda orientale del fiume Dnipro, ripetendo le accuse respinte da Kiev secondo cui l’Ucraina potrebbe prepararsi ad attaccare la diga di Kakhovka e inondare l’area . .

In un post di Telegram, Vladimir Saldo, capo della regione sostenuta dalla Russia, parzialmente occupata dalle forze russe, ha detto che stava espandendo una zona di evacuazione nella regione e, per la prima volta, ha chiesto ai civili sul fiume Dnipro orientale. Banca a lasciare le loro case.

Saldo ha affermato che la nuova area coprirà altri 15 chilometri (nove miglia) attorno al fiume Dnipro, che divide la regione di Kherson, per includere altri sette insediamenti.

“A causa della possibilità dell’uso da parte del regime ucraino di metodi di guerra proibiti, nonché dell’informazione che Kiev sta preparando un massiccio attacco missilistico sulla centrale idroelettrica di Kakhovka, c’è il pericolo immediato di inondare la regione di Kherson”, ha detto Saldo in un videomessaggio pubblicato lunedì sera.

Ciò potrebbe portare a “una massiccia distruzione delle infrastrutture civili e una catastrofe umanitaria”, ha affermato.

“Data la situazione, ho deciso di espandere la zona di evacuazione di 15 chilometri da Dnipro… La decisione consentirà di creare una difesa a più livelli per respingere gli attacchi ucraini e proteggere i civili”.

Kiev ha negato di voler attaccare la diga di Kakhovka, una struttura alta 30 metri (100 piedi) e 3,2 chilometri, e lanciare un bacino idrico delle dimensioni di Salt Lake attraverso l’Ucraina meridionale, allagando città e villaggi, molti dei quali hanno dirottato le forze russe all’inizio della guerra.

READ  McCarthy ha criticato Trump quando ha rifiutato l'aiuto durante i disordini

L’Ucraina ha affermato che le ripetute accuse russe secondo cui l’Ucraina stava preparando un attacco alla diga, che regola l’approvvigionamento idrico della Crimea annessa e della centrale nucleare di Zaporizhzhya, erano un segno che la stessa Russia stava contemplando un attacco e incolpava Kiev e i suoi sostenitori occidentali. .

La Russia ha evacuato decine di migliaia di civili dalla sponda occidentale del fiume Dnipro nelle ultime settimane, nel mezzo di un’avanzata controffensiva ucraina.

Saldo ha detto che i funzionari russi stanno offrendo ai civili un pagamento una tantum di 100.000 rubli ($ 1.628) per andarsene e che Mosca fornisce alloggi in altre regioni della Russia.

La scorsa settimana, alcuni funzionari della regione sostenuti dalla Russia hanno escluso l’evacuazione dei cittadini dalla sponda orientale del fiume Dnipro.

Il mese scorso il presidente Vladimir Putin si è trasferito per annettere Kherson dopo aver tenuto referendum in quattro regioni ucraine che Kiev e l’Occidente hanno descritto come farsa e illegale.

(1 dollaro = 61,43 rubli)

Segnalazione di Jake Cordell. Montaggio di Kim Coogill, Stephen Coates e Jean Harvey

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.