La Russia distrugge un grosso carico di armi occidentali in viaggio verso il Donbass

Christina, che non ha rivelato il suo cognome, si è nascosta nel seminterrato della sua casa per quasi tre mesi con il figlio e il marito di otto anni, lasciandola solo dopo che è stata completamente distrutta dai bombardamenti russi.

“Siamo partiti cinque giorni fa perché la nostra casa è crollata e ci hanno lasciato tre sacchi di roba e basta”, ha detto a The Telegraph.

“In genere piango raramente, ma in quel momento in cui ci hanno sfasciato la casa ero sotto shock… non capisco. Perché noi? Perché?”

La famiglia è riuscita a fuggire durante una tregua dal pesante fuoco di artiglieria, precipitandosi dalla loro casa distrutta su un’auto abbandonata, pregando che non cadessero più bombe.

Anche quando la sua casa è stata ridotta in macerie, Christina ha detto di non aver mai mostrato a suo figlio alcun segno della paura che l’aveva colpita.

“Anche quando c’erano i voli, ho detto che andava tutto bene. Direi che siamo al sicuro, non ti preoccupare”.

La famiglia si trova ora nel distretto di Zaporizhzhia ma “non ha idea” di dove andare dopo.

Christina dice di essere preoccupata non solo per se stessa, ma per la famiglia che si sta lasciando alle spalle: sia i suoi genitori che i suoi genitori acquisiti sono troppo vecchi per andarsene.

“Ho pianto fino in fondo quando siamo partiti, per la nostra terra, per i nostri genitori”, ha detto.

Zelensky: Solo la diplomazia porrà fine alla guerra

Sabato, Zelensky ha avvertito che solo una svolta diplomatica e non una vittoria militare a titolo definitivo potrebbe porre fine alla guerra della Russia contro il suo paese.

READ  Le famiglie afghane bisognose "vendono i loro figli per sbarcare il lunario" nel crollo dell'economia

Ha detto che il conflitto “sarà sanguinoso e ci saranno combattimenti, ma finirà solo una volta per tutte attraverso la diplomazia”, ​​promettendo solo che il risultato sarà “equo” per l’Ucraina.

In un’intervista alla televisione ucraina, ha affermato che il trattamento riservato dalla Russia ai combattenti dell’Azovstal di Mariupol sarà decisivo per la posizione di Kiev nei futuri colloqui di pace con Mosca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.