La “rete di corruzione” potrebbe estendersi oltre il Qatar e il Marocco – POLITICO

L’eurodeputato dei Socialisti e Democratici italiani Franco Roberti afferma che la presunta “rete di corruzione” all’interno del Parlamento europeo potrebbe estendersi oltre il Qatar e il Marocco.

Le indagini su un possibile innesto potrebbero attualmente concentrarsi su Qatar e Marocco – Entrambi i paesi sono già stati identificati come tentativi di acquistare influenza a Bruxelles – “ma potrebbero essercene altri”, ha detto l’ex procuratore antimafia. La Stampa In un’intervista pubblicata sabato.

Roberti ha detto al giornale italiano che mentre non c’erano prove concrete di una rete di corruzione nel Parlamento europeo, sapeva che era possibile.

Roberti ha affermato di non essere mai stato contattato con offerte discutibili dallo stesso partito di molti altri implicati nello scandalo, tra cui l’eurodeputata greca Eva Kaili, attualmente incarcerata, ex membro del gruppo S&D. Ma ha aggiunto che il suo focus è su “cose ​​che non interferiscono con gli interessi di questi Paesi: la giustizia, la lotta alla criminalità organizzata, il riciclaggio di denaro sporco”.

Roberti non ha escluso la possibilità che le pratiche rivelate fossero diffuse. Se fosse vero, sarebbe “davvero pericoloso e preoccupante per la stabilità e il futuro dell’UE in un momento già terribile per le istituzioni dell’UE data la crisi economica e la guerra della Russia in Ucraina”, ha affermato. Loro hanno detto.

READ  Berlusconi afferma che i russi hanno spinto Putin nella guerra in Ucraina | Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.