La quota dell’Irlanda del Fondo Brexit dell’Unione europea, del valore di 5 miliardi di euro, potrebbe essere ridotta con il piano francese

La partecipazione dell’Irlanda nel fondo di compensazione dell’Unione europea sarà ridotta di 5 miliardi di euro, in base alle proposte francesi per modificare il modo in cui vengono calcolati i pagamenti. La mossa rischia di ritardare l’arrivo dei fondi perché ha portato alla riapertura dei negoziati su questo tema tra gli Stati membri.

L’Irlanda avrebbe dovuto ricevere poco meno di 1 miliardo di euro dal fondo in anticipo di finanziamento quest’anno, con importi aggiuntivi potenzialmente in aumento in un secondo momento. Questa è la quota maggiore assegnata a tutti gli Stati membri nell’ambito del fondo, concordato lo scorso anno per sostenere i paesi dell’Unione Europea più colpiti dalla Brexit.

Ma il metodo per calcolare la quota di ogni paese proposto dalla Commissione europea non è stato approvato dai governi degli stati membri e Parigi ha proposto una diversa “chiave di allocazione” che porterebbe a fondi aggiuntivi destinati a paesi più grandi come Francia, Spagna e Italia.

Ciò andrà a scapito di altri 14 paesi e colpirà ancora di più l’Irlanda, togliendo 200 milioni di euro dai miliardi di euro previsti che dovevano arrivare quest’anno, secondo i calcoli del deputato belga Pascal Aremont, relatore del Parlamento europeo sulla Brexit. riserva di modifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.