La pop star russa che ha criticato la guerra in Ucraina dice di essere in Israele | Russia

La cantante pop russa Alla Pugacheva ha detto di essere in Israele, tre settimane dopo la sua visita criticare pubblicamente Vladimir Putin ha invaso l’Ucraina quando Mosca ha dichiarato suo marito un “agente straniero”.

“Ringrazio il mio esercito di milioni di fan per il loro amore e supporto e per la loro capacità di distinguere la verità dalle bugie”, ha detto lunedì la 73enne, conosciuta come la “Regina del pop sovietico”, in un post su Instagram.

“Dalla Terra Santa, prego per voi e per la pace”, ha detto ai suoi 3,4 milioni di follower. “Sono felice!”

Pugacheva, che ha venduto più di 250 milioni di dischi, è diventato molto popolare durante l’era sovietica ed è rimasto tale per tutta la sua carriera per più di 55 anni. È tra le più famose nel mondo di lingua russa per canzoni come la hit del 1982 Million Scarlet Roses e il film del 1978 The Woman Who Sings.

Suo marito, presentatore televisivo e comico Maxim Galkin, si è unito a giornalisti, attivisti per i diritti umani e oppositori del Cremlino a settembre definendoli un “agente straniero” per essersi opposto all’invasione.

La coppia ha lasciato la Russia per Israele Poco dopo l’inizio della guerra, a febbraio: Galkin, 46 anni, si qualifica per la cittadinanza israeliana ai sensi della legge sul ritorno del paese, che conferisce alle persone di origine ebraica il diritto di ottenere la cittadinanza israeliana.

Tuttavia, sembra che Pugacheva sia tornata in Russia con i loro due figli prima del nuovo anno scolastico, per partecipare al funerale dell’ex leader sovietico Mikhail Gorbaciov a Mosca a settembre.

READ  Sanzione UEFA Roman Abramovich dopo che il Chelsea si è ritirato dalla richiesta di giocare la partita di FA Cup al Middlesbrough a porte chiuse | notizie di calcio

Il mese scorso, dopo che Galkin è stato nominato, il cantante ha rilasciato una dichiarazione audace contro la guerra in Iraq Ucrainain una lettera al Ministero della Giustizia russo pubblicata sul suo account Instagram.

“Vi chiedo di includermi nell’elenco dei clienti stranieri del mio amato Paese”, ha scritto.

“Perché sono solidale con mio marito, che è una persona onesta e morale, un vero e incorruttibile patriota russo, che non desidera altro che prosperità, pace e libertà di espressione nella sua madrepatria”.

L’artista ha affermato che suo marito voleva “la fine della morte dei nostri figli per obiettivi illusori che rendono il nostro Paese un paria e influiscono notevolmente sulla vita dei suoi cittadini”.

Secondo il media statale russo RIA Novosti, Pugacheva è stata da allora indagata per “diffamazione” dell’esercito russo. Le critiche interne all’invasione dell’Ucraina sono state accolte con una feroce repressione, comprese multe e pene detentive per gli oppositori.

Circa 24.000 russi si sono trasferiti in Israele dall’inizio della guerra e altri 35.000 sono in attesa di essere elaborati, secondo l’Agenzia Ebraica, che facilita l’immigrazione ebraica in Israele.

Israele ha cercato di rimanere neutrale dallo scoppio della guerra. Il paese fa affidamento su Mosca per facilitare le sue vicine operazioni militari in Siria, ma ha anche subito pressioni da parte dei suoi alleati occidentali per imporre sanzioni e adottare forti misure diplomatiche.

Ha fornito aiuti umanitari ma si è astenuto dall’inviare aiuti militari, nonostante le critiche del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

A giugno, il ministero della Giustizia russo ha raccomandato la chiusura dell’Agenzia Ebraica, un organismo quasi governativo, per aver violato le leggi sulla privacy.

READ  Il ciclone in Repubblica Ceca fa cinque morti e almeno 150 feriti - video | mondo | notizia

Il primo ministro israeliano ad interim, Yair Lapid, ha avvertito che la chiusura degli uffici dell’Agenzia ebraica sarebbe un duro colpo per le relazioni bilaterali.

Le agenzie di stampa hanno contribuito a questo rapporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.