La polizia afferma che i migranti cinesi immigrati in Italia a bordo di auto di lusso sono stati sfruttati.

Mercoledì la polizia italiana ha dichiarato di aver arrestato una rete di contrabbandieri cinesi che utilizzava auto di lusso per introdurre clandestinamente migranti cinesi in Italia, confiscare i loro passaporti e trattarli come schiavi.

I migranti trafficati erano “ignari cittadini asiatici, ben vestiti, con pochi bagagli, che viaggiavano in auto potenti e costose, guidate da cittadini cinesi di lingua italiana che vivono in Italia da molti anni”, ha affermato la polizia in un comunicato.

Gli investigatori sono stati allertati del possibile giro dopo che un cittadino cinese è stato fermato durante un controllo di routine al confine tra Italia e Slovenia in aprile e si è scoperto che trasportava quattro migranti cinesi privi di documenti.

Un'indagine “ha rilevato un flusso persistente e persistente di cittadini cinesi irregolari trasportati in piccoli gruppi verso le frontiere esterne europee in paesi con ingresso senza visto (principalmente Serbia)”, afferma il rapporto.

“Poi da lì hanno viaggiato con loro attraverso la Bosnia, la Croazia e la Slovenia fino al confine di Stato italiano”, si legge.

02:45

L’afflusso di immigrati cinesi lungo la pericolosa rotta centroamericana verso l’America

L’afflusso di immigrati cinesi lungo la pericolosa rotta centroamericana verso l’America

I migranti rapiti sono stati portati in una casa sicura vicino a Venezia, dove sono rimasti per un giorno o due prima di essere portati in Italia o in altri paesi dell'UE come Francia e Spagna.

I rapitori hanno confiscato i loro passaporti nel rifugio e “da allora… [they] “Sono sottoposti ad un duro sfruttamento fino a quando non ripagheranno il prestito preso per il viaggio”, si legge nel comunicato.

La polizia ha affermato che i migranti sono tenuti “senza possibilità di una vita libera o semi-libera, senza assistenza medica, con nient'altro che un letto e un posto dove lavorare a tempo indeterminato”, descrivendolo come una forma di “schiavitù”.

READ  L'Ambasciata d'Italia in Marocco ha sospeso gli appuntamenti per il ricongiungimento familiare

Nel corso dell'operazione la polizia ha arrestato nove presunti membri della rete di trafficanti e identificato 77 migranti privi di documenti, “molti dei quali donne e alcuni minori di età compresa tra 15 e 18 anni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *