La perdita di carburante SLS probabilmente ritarda il lancio di Artemis 1 fino a ottobre

È possibile che la prossima generazione del sistema di lancio spaziale della NASA non voli a settembre. Dopo che una perdita di carburante ha costretto l’agenzia a farlo C’era qualche speranza che la missione sarebbe iniziata prima della scadenza dell’attuale finestra di lancio, il 6 settembre. Questo non sarà il caso.

“Non lanceremo in questo periodo di lancio”, ha detto Jim Frey, amministratore associato della NASA per lo sviluppo dei sistemi di esplorazione, in una stanza piena di giornalisti dopo gli eventi di sabato mattina. “Questa non è stata una perdita gestibile”, ha aggiunto il responsabile della missione Artemis Michael Sarafin, riferendosi all’installazione di “distacco rapido” che ieri ha causato così tanti problemi alla NASA. Il personale di terra del Kennedy Space Center ha cercato di risolvere il problema tre volte prima di raccomandare un “no-go” per il lancio di sabato.

Secondo Serafin, la perdita è iniziata dopo che una delle linee del carburante è passata nel booster del nucleo Artemis 1 con una sovrapressione breve e “non intenzionale”. Un comando manuale “sbagliato” di Mission Control ha causato l’incidente. A partire da sabato, Sarfin ha affermato che era troppo presto per sapere se questa fosse la causa della perdita di carburante, ma che c’era abbastanza idrogeno infiammabile vicino al razzo che non sarebbe stato sicuro lanciarlo. “Vogliamo essere premurosi e attenti nel trarre conclusioni qui, perché la correlazione non equivale a causalità”, ha aggiunto.

Qualunque sia la causa della perdita, la NASA ora deve sostituire la guarnizione non metallica che avrebbe dovuto impedire all’idrogeno di fuoriuscire dopo una rapida separazione. L’agenzia ha due opzioni su come procedere. Può sostituire la guarnizione in Launch Pad 39B o Vehicle Assembly Building in KSC. Entrambi hanno vantaggi e svantaggi.

READ  Lancio di SpaceX - Dal vivo: un test pivot dell'astronave SN15 in programma questa settimana

Fare il lavoro sul pad consentirà alla NASA di testare il sistema a temperature gelide. Ciò darà all’agenzia un’idea migliore di come si comporterà il missile una volta pronto per il lancio di nuovo. Tuttavia, la NASA dovrà costruire un container attorno all’SLS. Nel frattempo, al VAB, l’edificio fungerà da container ma i test saranno limitati alla sola temperatura ambiente.

Alla fine, l’SLS finirà probabilmente in un VAB, indipendentemente da ciò di cui la NASA ha bisogno per testare le batterie nel sistema di terminazione del viaggio del veicolo ogni 20 giorni. Il sistema consente alla Space Force di distruggere il missile se devia dalla sua rotta o se si verifica qualche altro errore in volo. Solo la NASA può eseguire questo test in un VAB e la Space Force ha recentemente concesso all’agenzia una scadenza di cinque giorni alla sua consueta scadenza.

Infine, la prossima finestra di lancio di Artemis 1 si apre il 16 settembre e si chiude il 4 ottobre. Questa apertura include un potenziale conflitto con un’altra missione. Il volo Crew-5 di Space X dovrebbe decollare il 3 ottobre dal Kennedy Space Center. Pertanto, la NASA probabilmente punterà alla prossima finestra che si aprirà il 17 ottobre e durerà fino alla fine del mese. Ne sapremo di più la prossima settimana quando la NASA terrà un’altra conferenza stampa, ma l’amministratore della NASA Bill Nelson è stato irremovibile sul fatto che l’agenzia non tenterà di lanciare Artemis 1 finché non sentirà che l’SLS è pronto per il volo. Ha detto: “Non spariamo finché non pensiamo che abbia ragione”. “Considero questo come parte del nostro programma spaziale, dove la sicurezza è in cima alla nostra lista”.

READ  Il rinoceronte gigante trovato in Cina era il mammifero più grande di sempre

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati con cura dalla nostra redazione, indipendentemente dalla casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.