La nuova Gordon Murray T33 è una pratica supercar con V12 da 607 CV

Non hai ancora mostrato gli interni del T33. Com’è?

Il T33 aderisce molto ai principi di Gordon Murray Design: design raffinato ma molto semplice, incentrato sul conducente. Sarà tutto analogico: niente touchscreen, controlli rotanti in alluminio lavorato di alta qualità per tutte le funzioni importanti e ogni interruttore illuminato, poiché la retroilluminazione crea confusione. Non abbiamo nemmeno le leve del piantone dello sterzo, perché preferiamo i pulsanti del pollice sui raggi del volante”.

Hai detto che il T33 è influenzato dalle tue auto preferite degli anni ’60. C’è il rischio di copiarli troppo da vicino?

“Non credo. Il T33 e il T50 insieme hanno un vero aspetto della famiglia GMA che è abbastanza diverso dagli altri. Ma molte delle più grandi auto degli anni ’60 e ’70 sono state progettate da ingegneri che non erano governati da regole come lo siamo oggi. Potevano realizzare i progetti più puri ed efficienti. Se siamo intelligenti, possiamo farlo anche noi”.

Pensi che il design moderno delle supercar sia diventato eccessivamente complicato?

“Sì. Molte auto moderne sono brutali e disordinate, come se i designer si stessero sforzando troppo. Che senso ha coprire la tua auto con feritoie, ali, pinne e condotti se non ne hai bisogno? Stiamo andando nella direzione opposta e i nostri acquirenti ci dicono che gli piace”.

Hai ricavato molto poco dai dati sulle prestazioni del T33, anche se sono destinati ad essere fantastici. Perché?

“Non ci preoccupiamo di inseguire le tendenze o i dati sulle prestazioni principali con le nostre auto. Non mi interessa davvero se il tempo da 0 a 60 mph dell’auto è di 2,9 o 3,1 secondi o se farà 210 o 215 mph. Anche ai nostri acquirenti non interessa. Non stiamo inseguendo le vendite e non lo faremo mai. La bellezza della semplicità è la chiave delle nostre auto”.

READ  Casuale: il Team Xbox ha un po' di morbido foglio di carta Mario sul GameCube

Progetti per la nuova sede GMA

La T33 sarà la prima vettura ad essere prodotta nella nuova sede globale di Gordon Murray Automotive a Windlesham, nel Surrey, un sito di 54 acri precedentemente occupato dalla defunta società di consulenza ingegneristica Kamcorp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.